Posts Tagged ‘teen agers’

Quelle della terza media

mercoledì, giugno 24th, 2015

Oggi hanno fatto gli esami di terza media, gli orali, un po’ di nipotastre e nipotastri, figlie e figli di amici compresa la giovane older. Diciamo che la più scarsa s’è beccata i complimenti del presidente della commissione e siamo arrivate fino al bacio accademico. Ora, per onestà, ho pure amici masculi che hanno figli masculi che vanno bene a scuola e uno è proprio un genio.

Però. Però lo confesso: a me quando a scuola eccelle una femmina emoziona. Mi emoziona perché io sono la prima generazione di femmine della mia famiglia per le quali l’istruzione è stata una scelta di normalità e un diritto tacitamente acquisito. Ma fino a me le cose non sono andate così: mia madre è l’unica laureata femmina del ramo cadetto e lo è perché i fratelli maschi non hanno voluto fare l’Università, aprendo a lei la possibilità di “provarci”. Ma continuando a lavorare. Che non c’erano soldi da buttare.

Delle mie nonne nessuna era laureata, a fronte di fratelli maschi che invece sì. Delle bisnonne manco parliamo. Per altro le mie nonne sono state le prime anche a votare, alla veneranda età di 40 anni.

Le mie donne non si sono potute sposare per amore. Le mie donne sono arrivate fin qui dovendosi conquistare con le unghie e con i denti financo la terza elementare. Ma hanno letto come pazze. Di nascosto. A lume di candela. Una anche in mezzo alle bombe.

E’ per questo che se a 14 anni io ne sento una che sa usare i congiuntivi e la consecutio e sa chi sia il presidente della Camera e dove si trovi il Parlamento e tenga un’interrogazione di un’ora comprese due lingue straniere io sì, io mi emoziono. Perché è la prima generazione del riscatto completo.

Non so che faranno da ora in poi di questo riscatto, di questa libertà, di questa fantasia, di questa voglia di fare e di questi loro cervelli frizzanti e liberi di aprirsi. So che ascoltarle è un piacere. E un conforto. Perché chiunque, dal palco di una piazza o dal bar sotto casa, dica cose sgangherate, offensive e ignobili contro le donne, è con queste piccole grandi donne che dovrà vedersela. E, mi dispiace, è lì che soccomberà: perché no, non è vero che il cretino vince perché ti trascina al suo livello e ti batte con l’esperienza. Arriverà un giorno in cui saranno circondati. E dovranno arrendersi. Non di fronte alla forza muscolare. Ma di fronte a quelle della terza media (che non è una taglia di reggiseno): e cioè queste ragazzine che li batteranno, e li domineranno, con un congiuntivo.

Converse pink