Posts Tagged ‘scienza’

Matrimonio, relazione tra 2 di cui 1 ha sempre ragione e l’altro è il marito

mercoledì, aprile 27th, 2016

Riguardo al fatto che “il vero amore dura per sempre, ora lo dice anche la scienza” vi elenco cose che ultimamente avrebbe “dimostrato” “la scienza” riguardo amore et similia, così vi fate un’idea di quanto poter contare sui risultati:

1 – Gli uomini alti divorziano più dei bassi
Gli alti tendono a sposare donne più istruite, adulte e appartenenti alla propria etnia. Ma sono anche più inclini al divorzio rispetto ai bassi, che si sentirebbero in dovere di “compensare” la propria (mancanza di) altezza impegnandosi di più sul lavoro e cercando di guadagnare di più

2 -Durano di più i matrimoni sfarzosi
L’11% dei partecipanti non si era sposato con una cerimonia formale,  solo il 28% di essi raccontava di vivere un matrimonio felice; d’altra parte, il 41% delle coppie che si erano sposate con una cerimonia formale sosteneva di essere felice e contenta con il proprio coniuge (University of Denver)

3 – Durano di più i matrimoni spartani
C’è però, chi sostiene anche il contrario. Secondo un’altra ricerca, condotta dagli scienziati della Emory University, le coppie che si sposano con celebrazioni più spartane hanno più probabilità di restare insieme. Tra le donne che hanno risposto al sondaggio dei ricercatori, quelle che hanno speso più di 20mila dollari per il matrimonio hanno divorziato tre volte e mezzo in più rispetto a quelle che hanno speso tra 5 e 10mila dollari per la cerimonia.

4 – Durano di più i matrimoni in cui si guardano i film assieme e se ne parla per 30 minuti
Gli autori hanno chiesto a diverse coppie di guardare periodicamente film insieme e parlarne per 30 minuti. Ne è risultato un miglioramento complessivo del benessere della coppia (Journal of Consulting and Clinical)

5 – Durano di più le coppie che litigano usando il “noi” anziché il tu
Le coppie i cui componenti usano più spesso il pronome “noi” durante le liti durano più a lungo di quelle che parlano sempre al singolare ((University of California, Berkeley)

6 – Si tradisce a nostra insaputa, per colpa di un gene
I soggetti portatori di una variante del gene Drd4, responsabile del trasporto di dopamina, un neurotrasmettitore che controlla, tra le altre cose, emozioni e umore, hanno più probabilità di tradire il proprio partner, “anche con storie che durano una sola notte”, come ha detto Justin Garcia, uno degli autori del lavoro (Binghamton University)

7 – Se la donna sta bene va tutto bene. Il contrario non vale
Il benessere della donna è un fattore cruciale, più di quello dell’uomo, per il benessere della coppia. Secondo Deborah Carr il fenomeno è legato al fatto che “quando una donna è soddisfatta del proprio matrimonio, tende a comportarsi meglio nei confronti di suo marito, il che ha un effetto positivo sulla sua [di lui] vita”. Il contrario non vale (Rutgers University)

Vi è chiaro che l’unica vera è la 7. Ed è anche l’unica circostanza alla quale si possa affibbiare il “per sempre”.

Dunque si conferma solo che l’unico matrimonio duraturo è la relazione tra due individui di cui uno ha sempre ragione e l’altro è il marito.

Matrimonio cit

Dieci e lode

martedì, maggio 19th, 2015

Dunque ciò che di Santiago Calatrava mi lasciò a boccaperta a Valencia -cioè il Planetarium, detto anche “l’occhio”- erano gli integrali. I numeri. Cosiccome la perfezione del broccolo romanesco -sublimata nella corrispondente pasta con- è merito di un frattale (no, non le frattaglie, marescià, quelle servono per la pajata).

I pensieri, a metà fra Fibonacci e la sora Lella sono arrivate dopo aver trovato, tramite la sempresialodata bacheca del socialcoso del Professor Pi, questa riflessione postata da un suo collega scienziatissimo anche lui, il Professor D. Dei, Luigi Dei.

“Se ammiri una magnifica statua son le proporzioni che ti fanno venire un tuffo al cuore, se resti incantato dalla prospettiva di un quadro o dalle armoniose volute di un palazzo rinascimentale sono i rapporti che ti stordiscono, se ascolti della musica inebriante e armonica son frequenze e durate espresse con frazioni semplici che ti danno scariche di dopamina, se leggi estasiato versi endecasillabi ringrazia quel numero, l’undici, se alzi gli occhi al cielo e vedi le magnifiche superfici di Calatrava son gli integrali che le riportano a dimensione nota, se resti senza parole alla meraviglia di certe forme della natura ringrazia, per favore, i frattali, se infine vedi una donna o un uomo anziani che si disperano, versano calde lacrime e si lamentano di non avere più percezione delle meraviglie del mondo, sappi che non sono ciechi o sordi: non si ricordano più la bellezza dei numeri e della matematica”.

Il Planetarium (detto l'occhio) di Santiago Calatrava, Valencia

Che una cerca di evitare tutta la vita la matematica dicendo che non la ama e quella poi ti rispunta a sorpresa in tutte le cose che ami. E, oggi, penso sconsolatamente di essermi persino vantata di non amarla e di non-sapere-nulla-di-matematica. E’ stata una sciocchezza. Perché è come dire non amo e non so nulla di tutte le cose belle della vita.

Quindi grazie per aver indotto il ripensamento tardivo, grazie al professor Pi e al professor D, Dei. Quindi Dei gratias.

Ma andatevene voi

lunedì, giugno 6th, 2011

Ricercatrice, giovane, astrofisica, italiana, emigrante, volentieri riporterebbe suo cervello in patrii lidi.
Ed è per questo che la nostra eroina inizia le manovre di riavvicinamento alla penisola.
Colloqui, contatti, abboccamenti, curriculum. Il dialogo, sempre, si blocca sul:
-Ma signorina perché vuol tornare in Italia? Mi creda, resti dov’è (intanto, caro, stai parlando a una Margherita Hack con cinquant’anni di meno, ti dispiace usare almeno il “dottoressa”? grazie)
Insomma la nostra Margherita peregrina, peregrina in ogni dove finché un giorno gnaafapiù e all’ennesimo
-Ma signorina perché vuol tornare? vendica tutti gli esiliati e risponde:
-Per non lasciare questo Paese in mano agli stronzi. E, già che ci siamo, una domanda gliela faccio io: ma perché non ve ne andate voi?

Il presente post trova spazio in un blog sentimentale su tacco 12 nonostante Margherita prediliga il tacco rasoterra perché è una delle più grandi espressioni di amore rintracciate in settimana dalla qui presente. Che ad amare Brad Pitt sono capaci in tante. Ma continuare ad amare l’Italia, a volte, richiede l’eroismo che hanno in poche.