Posts Tagged ‘Roccella’

La guerra di Eugenia

lunedì, marzo 28th, 2011

Non vorrei si pensasse a un mio accanimento terapeutico contro la poveretta: ma è lei che provoca. Dunque la signora Roccella Eugenia, sottosegretario alla Salute in quel del governo Berlusconi, nelle cui mani è affidata anche la sorte del testamento biologico, dichiara oggi testualmente che “Eluana è morta disidratata come Cucchi”.

Più estesamente la signora Roccella Eugenia argomenta che “”Con questa legge (quella del testamento biologico, ndr) si applica l’articolo 32 normando il consenso informato. Quanto a alimentazione e idratazione, nessuno di noi rinuncia a alimentarsi perchè sarebbe una morte dolorosa e traumatica, come nel caso Cucchi. La condizione di Cucchi era diversa, ovviamente, ma la modalitá di morte per disidratazione sono sempre quelle”.

Ora io capisco che lei debba promuovere, come ogni buon piazzista, la bontà del suo prodotto che, nel caso di specie, è una legge. Capisco che per farlo sia disposta a ricorrere a ogni mezzo e capisco persino che per conseguire l’acquisizione di qualche voterello sia disposta a perderci pure la faccia: è la sua, può disporne, a differenza di ciò che potremo fare noi del nostro corpo dopo quella legge,  come vuole.

Ma, mi scusi, era proprio necessario passare ancora una volta come un panzer sopra il corpo di un ragazzo morto di botte e su quello di un padre quasi morto di umiliazioni?

Meri Pop al governo

sabato, febbraio 19th, 2011

Vabbè, nella rassegna. E che ci avete fretta?

http://rassegna.governo.it/testo.asp?d=56383753

La spada nella Roccella

venerdì, febbraio 18th, 2011

Eugenia Roccella, a differenza di Rino Fisichella, ha risposto. Onore al merito.
Mi chiedo solo cosa possa spingere l’organizzatrice del Family Day a paragonare la proposta di legge sui Dico all’accusa di prostituzione minorile. (“Ricordo che il Family day era contro una proposta di legge sulle unioni di fatto, i Dico, ma nessuno in piazza San Giovanni invitava Prodi a dare le dimissioni”).

Roccè, e mo’ basta co ‘ste piazzate

giovedì, febbraio 17th, 2011

Lettera a Eugenia, non la suora.

Oggi. Qui.