Posts Tagged ‘quote rosa’

Aspettando tempi migliori. Che non vengono mai

martedì, marzo 11th, 2014

Non c’è cosa più frustrante che non avere un’idea chiara sull’idea sulla quale tutti ce l’hanno chiara. Così è per me sulle quote rosa.  Non ho una certezza granitica che sia una, in materia. Per esempio io non voglio che la gente mi chiami a occuparmi di qualcosa perché mi è stato garantito uno spazio per legge, voglio che mi chiamino perché sanno che in quella cosa che a loro serve sono la più brava. O fra i più bravi. Solo che poi vedo gli elenchi di uomini che a volte mi precedono pieni di cialtroni e un po’ mi scoccio. Cose così.

Però un concetto mi è chiaro: non è vero che  “i progressi civili non avvengono con gli obblighi”. No, questo proprio no. Per esempio quello che considero il più grande progresso civile e cioè l’alfabetizzazione è un obbligo. Dice ma cosa ci dovrebbe essere di più civilmente progredito che imparare a leggere, scrivere e far di conto? E infatti è obbligatorio per legge. E se le mamme e i babbi non lo rispettano arrivano i carabinieri a casa per fartelo rispettare. E con tutto ciò, o forse per questo, di imparare importa sempre meno.

Ecco questo per favore non ditelo. Non dite che i grandi progressi avvengono spontaneamente. Spontaneamente, quanto a metodo di diffusione del progresso, è come Amedeo Nazzari: è morto (cit Guzzanti, Corrado).

Mettetevi dunque comodi. In modalità Aspettando tempi migliori. Che non vengono mai (e questo è Ennio Flaiano, non Corrado de prima)

Le quote erose

mercoledì, luglio 18th, 2012

E dunque eccoli qua, dopo essersi sbracciati su quanto so’ bravi in tutto il mondo a fare largo alle donne, eccoli qua a bocciarle quando -oltre ai lamenti che sono notoriamente gratis-tocca cedere anche un pezzo di scranno sul quale si adagia il loro fondoschiena:

“Non passa, dopo quasi due ore di dibattito, in Aula al Senato un emendamento dell’Italia dei Valori, poi sottoscritto anche dal Pd alle riforme costituzionali che prevedeva che nel ‘futuro’ Senato ci fossero metá donne e metá uomini”.

E chi sono questi illuminati? “Il testo ha avuto il sì di Idv, Pd, e Terzo Polo (ma non di Francesco Rutelli e Giuseppe Valditara). No da Udc, Lega e Pdl anche se diverse senatrici hanno votato sì e singoli senatori del Pdl, come l’ex An Domenico Nania, si sono astenuti. Anche i radicali si sono astenuti”.

Ora, ve lo devo dire, io amo le quote rosa come la tosse di notte. Trovo che sia umiliante dover costringere qualcuno a far posto a “una donna” per legge, trovo ancora più umiliante che le quote rosa siano un altro mezzo con il quale gli uomini hanno la possibilità di riservarsi altri posti per interposta donna. Però i tempi son tali che se non gli metti na pistola alla tempia non lo fanno. E allora, donne, quando la prossima volta andrete a votare, ricordatelo l’elenco di oggi.

Ricordatevi anche che, finora, sui siti di Repubblica e Corriere della sera non c’è una riga. Eppure dell’unica vera non bufala su Hollande – e cioè quel suo governo fifty fifty- hanno svalangato pagine e pagine.

Insomma gli stessi che fanno la ola da ieri per la nomina di Marissa Mayer, “37 anni donna e incinta” a Ceo di Yahoo, strappata a Google, oggi o votano contro o tacciono.

Sarà perché, come diceva la povera Simone de Beauvoir, “donne non si nasce, si diventa”: e noi, purtroppo, lo nacquimo.

Godere conviene: rende molto, costa zero

venerdì, ottobre 14th, 2011

Iniziare un libro che si intitola “Godete!” chiedendosi chissàdicchepparla e chiuderlo dopo 93 pagine avendo voglia di provarle tutte.
I numeri
93 pagine
6 euro
Tempo di lettura previsto: 45 minuti
Quanto godiamo in un’intera vita: 16 ore
Quanto passiamo nel traffico in un’intera vita: 6 mesi
Tempo di godimento indotto dal libro: tipo quello del traffico
Italiane che in un anno ricorrono alla chirurgia estetica area patonza: un migliaio
Quanto spendono: dai 2 ai 10.000 euro

La frase: “Sarà vero che le donne vogliono le quote in politica ma molte si accontenterebbero di avere un orgasmo a settimana”
La filosofia: “Godere conviene: rende molto, costa zero”
La dritta: “Raggiungere l’acme è magnifico ma godersela tutta per arrivarci è ancora meglio e tra le due possibilità va preferita la seconda”
Un’altra: “I devoti del punto G esistono. Vanno desiderati, cercati, incontrati, incoraggiati”
Il capitolo da stending ovulescion: “Fare a meno degli uomini”

Alessandra Di Pietro, “Godete!” – Add Editore
(continua – che v’è venuta voglia, eh?)