Posts Tagged ‘Piazza Costaguti’

Il posto in cui ogni giorno è sempre il 16 ottobre

giovedì, ottobre 15th, 2015

Sarà stato prima dell’estate, quattro mesi fa. Ero dal fornaio e me ne uscivo col mio pacchetto di pizza bianca fumante. Fuori gente in fila (la pizza è veramente speciale) e anziane signore romane veraci che si intrattenevano parlando del più e del meno. Tutto intorno l’allegro vociare di piazza Costaguti.

Ed è stato uscendo che mi è arrivato un frammento di conversazione fra due di quelle signore, una sulla sessantina l’altra parecchio più in là

-E voi siete riuscita a scappare?
-Si si per fortuna m’aveva portata via mamma quando sono arrivati loro
-Ma avete avuto morti, a casa vostra?
-Quelli ce l’abbiamo avuti tutti, qua
-Eh si. Ora devo andare, allora ci vediamo. E saluti a casa

Il fatto è che ne parlavano con lo stesso tono con cui avrebbero potuto raccontarsi dell’assemblea del condominio: normale.

Perché piazza Costaguti sta nel Ghetto di Roma. E il giorno in cui arrivarono loro era il 16 ottobre. Il 16 ottobre 1943. Il giorno della razzia del Ghetto. Quando, alle 5.15 del mattino le SS invadono le strade del Portico d’Ottavia e rastrellano 1024 persone, tra cui 200 bambini. Due giorni dopo, alle 14.05 del 18 ottobre, diciotto vagoni piombati partono da Tiburtina verso Auschwitz. Solo quindici uomini e una donna, Settimia Spizzichino, torneranno a casa. Nessuno dei duecento bambini.

Un perfetto, ordinario racconto di normale orrore. Entrato in circolo nelle vene di quella discendenza. Assimilato, quasi. Ancora vivo tra un Signora oggi come va buongiorno e il riaffacciarsi di quel 16 ottobre che, qui, non è passato mai e vive ancora in chi ancora vive. Il Ghetto di Roma. Il posto in cui ogni giorno è ancora, e sempre, il 16 ottobre.

Ghetto Roma

Ghetto, Roma