Posts Tagged ‘Oriana Ubaldi’

Oriana Ubaldi, stella di mare

lunedì, aprile 16th, 2018

Dice Mark Twain che “I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché”. Oriana Ubaldi lo ha capito in un giorno in cui c’ero anche io. Eravamo entrambe in alto mare, proprio nel senso in mare aperto a bordo di una splendida barca di sedici metri e, più in generale, in quelle acque agitate dell’esistenza nelle quali a un certo punto la vita ti costringe quando devi decidere che fare. E lei, che era un’affermatissima art director pubblicitaria, cazzando una randa quel giorno disse: “Io non sono felice”.

Quante volte ce lo diciamo anche noi? Ma di norma continuiamo a lamentarcene tirando i remi in barca e lasciandoci trasportare dalla corrente. Lei invece, appena sbarcata, va dal suo capo, glielo dice e molla tutto. E’ il 1996. Si trasferisce dal Colosseo a Rimini, si chiude tipo un hangar a dipingere quadri immensi e ne esce sostanzialmente dieci anni dopo, cioè quando la rincrocio alla sua prima mostra in una Galleria d’arte a Roma: filiforme, capelli sale e pepe, neanche un filo di trucco, total black. E felice. Dieci anni nei quali è stato un esercizio di equilibrismo economico anche comprarsi un cappotto nuovo. Perché anche questo va detto: la felicità non è mai gratis.

L’ho rivista sabato scorso: è sempre filiforme, capelli sale e pepe, aveva addirittura un velo di rossetto, sempre total black. E sempre felice. Nel frattempo ha esposto all’Art London Fair di Londra, a Shangai, a Toronto, a Parigi e i suoi quadri sono quotatissimi. Lei ha sempre la modestia e il low profile di chi la grandezza se l’è conquistata pennellata dopo pennellata. In alto mare, risalendo il vento di bolina.

Non voglio aggiungervi altro. Trovate Oriana alla Galleria del sole a Roma con questa mostra che si intitola Transiti e ci sarà fino al 28 aprile. Non sta a me dirvi quanto sia brava come pittrice

(ma il signor Google è pieno di recensioni da inorgoglirsi senza fine)

ma sento di poter dire che in quella galleria troverete prima di tutto una donna straordinaria. In ogni caso se ingrandite queste foto di due sue opere e guardate attentamente quelle strisce bianche che le interrompono… e beh guardate un po’ cos’è? Cos’è quella roba bianca con le cuciture? E’ dacron. Il materiale delle vele. Anche se la barca di Oriana, stella di mare, come direbbe Lucio, ora “non naviga ma vola, vola, vola!”

Ah e fatevi raccontare anche il resto della storia. Che a noi Cuorinfranti farà un gran bene. Io non ve la posso dire sennò Pasquale mi rimette a fare il mozzo.

Oriana Ubaldi – Transiti
Galleria Il sole 
Via Nomentana 125
dal 14 al al 28 aprile

Chiedimi se sono felice

giovedì, giugno 28th, 2012

Oriana l’ho conosciuta quando stavo in alto mare. In tutti i sensi. Il primo senso è nel senso che eravamo proprio in barca. Ma non tipo a Ponza al Frontone: si stava in mare aperto. Ci si stava in tutti i sensi, ognuna per fatti suoi, ma non lo sapevamo. Nel senso che ognuna lì pensava di aver trovato un assetto di vita simildefinitivo. Senonché onda su onda fummo disarcionate. Lei liquida la faccenda, nella biografia ufficiale, con uno sbrigativo “Dal 1998 abbandona il mondo della pubblicità per dedicarsi alla pittura”.

Ebeh, io me lo ricordo: lei proprio un giorno disse “Io così non sono felice”. E sapete com’è, un conto è continuare a lamentarsene un conto è entrare dal capo e dirgli “Capo, scusa, io ti ringrazio, bello il lavoro, bello lo stipendio bella pure a buasserì (cit Albertone il Marchese del Grillo) ma io così non sono felice”. E che ti fa Oriana? Molla tutto e si trasferisce dal Colosseo a Rimini. Si chiude in un nonsocosa, tipo un hangar (ancora non sono mai riuscita ad andare a trovarla) e ne sce sostanzialmente dieci anni dopo, cioè quando la rincrocio, alla sua prima mostra in una Galleria d’arte a Roma. Esile, filiforme direi, capelli sale e pepe, neanche un filo di trucco, total black. E felice.

Ori l’ho rivista ieri ed è ancora più filiformesaleppepetotalblack. E mi sembra ancora parecchio felice. E siccome però qua niente è gratis è del tutto evidente che questa felicità se l’è pagata, e continua a pagarsela, a caro prezzo.

Ma se questo è il prezzo -per questo risultato- ogni volta che la si incontra vien voglia di pagarlo.

Oriana è a Roma con la sua terza personale fino al 14 luglio. Si chiama “Fiori di strada” e sta al D’ARC Rifugio d’Arte Contemporanea in Via di Sant’Ippolito 44A (Metro piazza Bologna poi pezzettino a piedi, se serve vi faccio pure un disegnetto una mappa).

Ah e se andate e la incontrate fatevi raccontare anche il resto della storia. Che a noi Cuorinfranti farà risalire la fiducia tipo lo spread.