Posts Tagged ‘La Russa’

Meri Popov

venerdì, maggio 20th, 2011

“Elezioni/ R.La Russa: ‘cosacchi’ non si impossesseranno di Milano. Assedio estremisti che si rifanno a comunismo non avrà successo

Good night and good luck

martedì, aprile 5th, 2011

Riepilogando: siamo governati da uno che credeva che Ruby Rubacuori fosse la nipote del capo di un governo straniero per cui, per evitare una crisi internazionale, la diede in affidamento a un’igienista mentale che a sua volta l’affidò a una brasiliana. E’ lo stesso che ha affidato il ministero dello Sviluppo Economico a uno che ancora non ha scoperto chi gli abbia pagato la casa e la Difesa a un assaltatore.

Ora possiamo andare a dormire tranquilli. “La colpa, caro Bruto, non è nelle nostre stelle, ma in noi stessi. Good night and good luck“.

La rivoluzione dell’ovetto Kinder

martedì, febbraio 15th, 2011

Qui, Quo e Qua.
Buona pastella a tutte.
Baci
Meri

E retrodatiamo pure l’età dell’unità d’Italia, no?

mercoledì, febbraio 9th, 2011

Allora, riassumo: ci sono questi 150 anni dell’unità d’Italia. Però questi non si mettono d’accordo manco se devono festeggiarli andando a lavorare o restandosene a casa. Allora dico io: ma siamo sicuri che ne ha proprio 150? E allora retrodatiamola, st’unità d’Italia.
Perchè, vedendo il casino, i legali del premier potrebbero presentare nuovi documenti per dimostrare la vera età dell’Italia all’epoca delle cene ad Arcore dei festeggiamenti a Roma. E magari potrebbe anche spuntare l’ipotesi di una rogatoria in Marocco in Padania.

Quindi Gnazio La Russa, ministro della Difesa fa festa (“Certo che il 17 marzo non si va a lavorare. Si va a lavorare per fare qualcosa di più grande e bello per cementare quello che è un sentimento comune di tutti gli italiani, un lavoro morale ed etico che vale più di una giornata di lavorativa”).
Paolo Romani, ministro dello Sviluppo economico non lo sa ma vorrebbe fare un ponte, appena si può, e non solo a Messina (“I 150 anni dall’unitá d’Italia si festeggiano solo quest’anno, mi sembra che per una volta si possa festeggiare senza andare a lavorare. Il primo maggio cade di domenica e il 25 aprile è Pasquetta, se c’è solo questo di ponte allora festeggiamo”).
Roberto Calderoli ministro per la Semplificazione invece lavora (“No, il 17 marzo si può festeggiare lavorando. “Ho votato contro, a suo tempo, in Consiglio dei Ministri e sono e resto completamente contrario al fatto che l`attribuzione delle caratteristiche di festività nazionale, conferita alla data del 17 di marzo, comporti la chiusura di molti uffici pubblici”).

Ecco, scusate eh, ma, concludendo, io mo’ ci ho solo due domande:
1) Che caspita deve fare una per sapere che deve fare il 17 marzo?
2) E la cosa che mi fa impazzire non sono nemmeno questi cialtroni: ma è possibile che non si riesca a battere gente che non riesce a mettersi d’accordo manco sull’agenda, Santocielo?