Posts Tagged ‘Internazionale’

Il comma 22 del sesso

giovedì, settembre 28th, 2017

“C’è prima un anno di passione, poi un anno di tenerezza e infine un anno di noia”. Così parlò il maestro Beigbeder nel fondamentale ma per certi versi ottimistico tomo “L’amore dura tre anni” (“Una zanzara dura un giorno, una rosa dura tre giorni. Un gatto dura tredici anni, l’amore tre. E’ così”).

Poco fa mi sono imbattuta prima nella notizia della morte del compianto benefattore Hugh Hefner, fondatore di Playboy e affondatore della vista di parecchi, e poi in un video di Alain de Botton “Come non smettere di fare sesso”, pubblicato qui da qualche Internazionale fa, ove si tenta una spiegazione del perché -senza scomodare l’amore ma le due cose temo di intreccino, marescià nel senso siano collegate- il tempo decreta in una relazione il de profundis della voglia di fare sesso.

Per farla breve ciò è dovuto al fatto che si passa dal comodato d’uso alla legittima proprietà. Cioè dal tentativo della conquista di un essere libero e indipendente all’acquisizione in esclusiva:

Per dirla con un’equazione

“EROTISMO = POSSESSO+LIBERTà”

Senonché, invece, desiderare qualcuno di solito significa “voler ridurre la sua capacità di sopravvivere senza di noi”. Mettendo in atto ogni umana e sovrumana tecnica per incastrarlo. Fossimo su Facebook il prode Zuckerberg direbbe: Giovanna è passata da essere una Conquista a essere una Prigione.

C’è poi il fattore P, PAURA:

il sesso è una richiesta e perché ci inzurlisca deve prevedere la possibilità di un rifiuto. Ecco perché la maggior parte delle litigate finisce a letto: perché ripristina la possibilità di perdersi e quella di tornare indipendenti.

Insomma il sesso funziona in presenza di
Libertà
Fiducia In Se Stessi
e Capacità di Stare Da Soli.

Cioè esattamente le cose alle quali iniziamo a rinunciare cinque minuti dopo esserci accoppiati.

Siamo dunque al “Comma 22” del sesso. Come recitava il paradosso contenuto nel romanzo del signor Heller: “Chi è pazzo può chiedere di essere esentato dalle missioni di volo, ma chi chiede di essere esentato dalle missioni di volo non è pazzo”.

Poi dice che non funziona.

Comma 22

Il “Comma 22” del sesso

venerdì, maggio 8th, 2015

“C’è prima un anno di passione, poi un anno di tenerezza e infine un anno di noia”. Così parlò il maestro Beigbeder nel fondamentale tomo “L’amore dura tre anni” (“Una zanzara dura un giorno, una rosa dura tre giorni. Un gatto dura tredici anni, l’amore tre. E’ così”).

Poco fa mi sono imbattuta in un video di Alain de Botton “Come non smettere di fare sesso”, pubblicato qui da Internazionale, ove si tenta una spiegazione del perché -senza scomodare l’amore ma le due cose temo di intreccino, marescià nel senso siano collegate- il tempo decreta in una relazione il de profundis della voglia di fare sesso.

Per farla breve ciò è dovuto al fatto che si passa dal comodato d’uso alla legittima proprietà. Cioè dal tentativo della conquista di un essere libero e indipendente all’acquisizione in esclusiva:

Per dirla con un’equazione  che farebbe la gioia del Professor Pi

“EROTISMO = POSSESSO+LIBERTà”

Senonché, invece, desiderare qualcuno di solito significa “voler ridurre la sua capacità di sopravvivere senza di noi”. Mettendo in atto ogni umana e sovrumana tecnica per incastrarlo. Fossimo su Facebook il prode Zuckerberg direbbe: Giovanna è passata da essere una Conquista a essere una Prigione.

C’è poi il fattore P, non di Professor Pi ma di PAURA:

il sesso è una richiesta e perché ci inzurlisca deve prevedere la possibilità di un rifiuto. Ecco perché la maggior parte delle litigate finisce a letto: perché ripristina la possibilità di perdersi e quella di tornare indipendenti.

Insomma il sesso funziona in presenza di
Libertà
Fiducia In Se Stessi
e Capacità di Stare Da Soli.

Cioè esattamente le cose alle quali iniziamo a rinunciare cinque minuti dopo esserci accoppiati.

Siamo dunque al “Comma 22” del sesso. Come recitava il paradosso contenuto nel romanzo del signor Heller: “Chi è pazzo può chiedere di essere esentato dalle missioni di volo, ma chi chiede di essere esentato dalle missioni di volo non è pazzo”.

Poi dice che non funziona.

Le vittime di Fonzie che hanno sempre scansato Richie

mercoledì, ottobre 22nd, 2014

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la seguente cazziata

Cara Meripo’,

stavo spulciando Supercali e non trovavo, senza nulla togliere a quelle gradevolissime delle donne,  molte lettere scritte da uomini nella tua posta melanzana. Forse questa mia potrebbe essere l’occasione per incoraggiare i colleghi più riservati,  anche perché tra i tuoi follouers ce ne stanno di assai simpatici e dalle penne felici. Quanto alle rubriche di posta sentimentale questa mi pare un luogo adatto anche per i timidi anche perché, diciamoci la verità, quella di Savage sull’Internazionale è un pochettino estrema.

Comunque, Meripò, ti scrivo per dirti una cosa sulla quale rifletto da un po’ di tempo. Partiamo da un presupposto: i miei colleghi di genere, gli uomini, stanno un poco inguaiati. Con buona pace di qualche esemplare, diciamoci la verità proprio pochi, gli uomini sono proprio lontani pure da una striminzita sufficienza. Non sto parlando di un aspetto in particolare, infatti la cosa è gravissima.

Sono portatore di un totale sentimento di disistima nei confronti del maschio italico. Li vedo, incapaci di sostenere il peso di una relazione degna di questo nome con fidanzate/mogli/compagne/amiche/amanti. Sempre pronti a lamentarsi, fanno finta di lavorare per non tornare a casa e quando ci tornano, Meripò, che disastro! Se non fosse per le donne, secondo me, staremmo ancora all’età della pietra.

Ma non è di questo che ti voglio parlare, che ad infierire su mariti, ex mariti e futuri mariti c’è una letteratura sin troppo vasta.
Quello di cui ti voglio parlare sono le cause di tutto questo. E qua c’entrate voi però. Lungi da me l’idea di volervi dare ancora altre responsabilità ed incombenze oltre a tutte quelle che vi abbiamo storicamente addossato, però la selezione, Meripò, la selezione la fate voi.

Tra Fonzie e Richie Cunningham, Meripò, chi avete sempre scelto? E non parliamo proprio di Ralph e Potsie (fate pure fatica a ricordarveli, mica solo quelli del telefilm, dico proprio tutti i Ralph e tutti i Potsie che avete incontrato nella vita vostra).
A scuola, tra quello che vi portava i libri e quello che non vi filava proprio, chi agognavate?

Devi essere sincera Meripò, il maschietto affidabile e di buon cuore non ha mai battuto chiodo. Lo chiamano “sfigato” proprio per questo.
E da lì parte tutto, perché quello che voi selezionate ancora implume, per tutti noi diventa il modello da seguire. E alla fine, la cosa peggiore, diventa il modello pure per voi.

Poi ad un certo punto li guardate i vostri uomini, su divani, abbandonati a telecomandi in mano (cit.) e io lo so che vi pentite della selezione che avete fatto, solo che ormai è troppo tardi. E siete talmente tanto abituate a quel modello, che vi pare brutto pretendere (ma persino chiedere) qualcosa in più.

E allora, cara Meripò, il consiglio che vorrei dare a te a te e a tutte le tue lettrici è questo: non vi stancate mai di pretendere, non rinunciate a chiedere. L’uomo è pigro e ogni domanda che non fate, ogni volta che vi dite “ma che glielo chiedo a fare, faccio più presto a farlo io” avremo un uomo un po’ peggiore e una donna un po’ più avvilita.

Tanti auguri Meripò, che è stato il tuo compleanno e te li meriti proprio
Tuo
Stighespiralidoso