Posts Tagged ‘Grillo’

Primo Postulato sul diritto all’opinione

mercoledì, maggio 3rd, 2017

Aggiungere, e di corsa, alla Dichiarazione universale dei Diritti umani questo Primo Postulato:
“Non si ha diritto di avere un’opinione ma di avere una opinione informata. Nessuno ha il diritto di essere ignorante”. (Harlan Ellison)

Human Rights

Sii carino quando sei in cima

martedì, febbraio 4th, 2014

Dopo un tormento durato ore, alla fine domenica il professor Pi ed io abbiamo optato per “Philomena“. Basato su una storia vera e sul libro di Martin Sixsmith narra della vicenda di una donna irlandese costretta ad abbandonare il figlio dopo averlo partorito in un convento. Cinquant’anni dopo si mette in viaggio insieme al giornalista Martin Sixsmith per ritrovarlo, negli Stati Uniti. Nella storia, drammatica,  fanno capolino le condizioni terribili di ragazze e suore rinchiuse nel convento di Roscrea -che ci avevano già sconcertati nell’altro film Magdalene– e altre tragedie che non posso anticiparvi se non lo avete visto ma che qui vengono narrate con una levità, ironia e a tratti anche poesia veramente da, in certi momenti, squagliarsi.

Senonché una frase, a un certo punto, mi ha molto colpita, al punto che me la son segnata al buio sul retro del biglietto. Ed è quella che Philomena, con la sua semplicità e buon senso, dice al giornalista, in un momento nel quale lui sbrocca. Essendo giornate di grande sbroccaggine generale, ed essendo tempi nei quali la violenza verbale e scritturale è di solito direttamente proporzionale alla pochezza mentale e strutturale di chi la esercita (un nuovo modo per misurarsi piselli al bagno, diciamo un chicel’hapiùlungo 2.0) ho trovato la lezione di Philomena particolarmente interessante:

-Sii carino con le persone quando sei in cima: potresti rincontrarle nella discesa

Tordi/2

domenica, febbraio 2nd, 2014

Tutto a posto: i commenti brutti li hanno lasciati di notte, quando non c’era il portiere. Perché uno che chiede “Cosa succederebbe se ti trovassi in macchina con Laura” immagina che, di giorno, gli risponderebbero “leggere insieme la Critica della Ragion Pura”.

Quando a tordi e quando a grilli

sabato, febbraio 1st, 2014

Comunque il mio primo Direttore diceva sempre: “Signorina Meripo’, quando qualcuno lancia volgaritá e sguaiataggini in pasto, lei si chieda sempre: da cosa vuol distrarmi?”.

Un giorno da pecoroni

mercoledì, marzo 6th, 2013

Sede Pd, esterno giorno. Dal muro di telecamere, microfoni, piumini, webcam, videofonini e superstiti taccuini davanti al portone si sente improvvisamente, da dentro, l’àncora di salvezza:
-Aò a piccolè ennamo, sbrighete che te stavo a aspettà
-Annarèèèè (perché capisci che la situazione è grave quando, nella perdita totale di punti di riferimento finalmente te ne si appalesa uno in grado di indicarti una direzione, cioè Annarella)
-E daje, entra un po’
-Senti ma allora qual è la linea? Che si deve fare?
-‘A linea te la dico più tardi, all’una e mezza
-Fai una conferenza stampa?
-No, vado a Un giorno da pecora
-Senti e nel frattempo non mi potresti dare un’anticipazione? Io non ci sto a capì più niente, che succede Annarè?
-E too dico io che succede, Nì, semo passati da un pecoraro all’altro, er pecoraro co ‘e pecorelle e mo’ssocc…. E a situazione è questa: manco più ar giorno da pecora, stamo proprio a un giorno da pecoroni.

Pizzarotti e fichi

mercoledì, luglio 4th, 2012

Trovata la particella di Dio, non ancora l’assessore a Parma.
Allo studio del Cern l’acceleratore di curricula.

Pizzarotti&fico: anche in amor s’avanza il Sottovalutato in giubbetto

martedì, maggio 22nd, 2012

Nel profluvio di pensose analisi del dopovoto mi pare stia sfuggendo la reale portata dell’affermazione del signor Pizzarotti. No, non solo sullo scranno di Parma ma su quelli amorosi. Dopo il tramonto del gaudente playboy miliardario in grisaglia s’avanza ora Il defilato Sottovalutato in giubbetto.

Che giusto ieri la mia amica Gianna mi raccontava, dopo mesi di bagnomaria solitario per attenuar la dipartita del fascinoso e palestrato fedifrago, di aver accettato l’invito del grigio collega di ministero. Col quale invece ha trascorso una serata colorata assai.

L’uomo airbag. Quello che nascosto, defilato, nell’ombra, sta lì a incassare le pippe mentali del nostro deluso amor fuggito. L’uomo airbag: proprio quel dispositivo di sicurezza passiva installato all’interno del devastato cuore. Che, come la goccia che scava la roccia, daje oggi e daje domani entra di fino e si mette di chiatto. Aiutato dalla sottovalutazione generale. Soprattutto nostra.

“Sarà come giocare la finale di Coppa Italia contro una squadra di serie B”, aveva preconizzato l’altro. Sottovalutando il Pescara. E soprattutto Zeman.