Posts Tagged ‘Giovanni Manzolini’

Anna Morandi Manzolini, la madre di tutte le Bones

mercoledì, marzo 22nd, 2017

Storie calme di donne inquiete/10

Trasformò il salotto buono in una morgue. Avrebbe dovuto suonarci la spinetta o ricamare a punto croce e invece ci dissezionava cadaveri sostanzialmente creando il primo istituto di medicina legale. Nel tinello: signori, Anna Morandi Manzolinida Bologna, nata nell’anno di grazia 1714, apripista di Bones e di Kay Scarpetta, anatomista e scultrice, ammirata e richiesta in tutte le corti d’Europa, nel frattempo allevando otto figli, vedendone morire sei e dovendo a un certo punto assistere anche il marito, Giovanni Manzolini professore di anatomia con il quale lavorò fianco a fianco, supportandolo nelle crisi depressive andando anche a insegnare al posto suo. Anna Morandini Manzolini, madre di otto figli ma anche dell’anatomia funzionale, quella capace di coniugare la morfologia di un organo alla sua funzione.

Come non bastasse a un certo punto il marito muore lasciandole una discreta barcata di debiti, tanto da dover affidare il primo figlio a un istituto di carità. Ma Anna Morandi vedova Manzolini non si perde d’animo e continua a modellare in cera preparati anatomici di rara qualità, essendo capace di “riprodurre con esattezza parti anatomiche che fino ad allora nessuno studioso era stato in grado d’indagare”, al punto da surclassare il fu marito in successi artistici e accademici. A un certo punto, sentiteunpo’, in un’epoca in cui le donne non avrebbero neanche dovuto ipotizzare il verbo lavorare, Anna Morandi Manzolini nel 1769 intenta un abbozzo di trattativa sindacale e chiede addirittura un aumento del suo onorario: richiesta respinta dall’assunteria di Studio. A quel punto accetta “l’offerta del senatore Girolamo Ranuzzi che acquistò tutte le sue preparazioni, gli strumenti e la biblioteca e le offrì anche un appartamento nel proprio palazzo”.

Ormai è una star, richiesta ovunque financo da Caterina II di Russia. Lei se ne resta a Bologna e continua a brillare da lì, ceroplasta inarrivabile anche grazie a propri “segreti” di lavorazione. Muore nel 1774. Sulla lapide -e come ti sbagli- viene definita moglie amorevole e madre: solo nella terza riga si leggerà “Artista colta ricercatrice insegnante brillante”.

Temperance “Bones” Brennan,

Bones

ora anche tu sai da dove arrivi. E chi devi ringraziare.

Anna Morandi Manzolini