Posts Tagged ‘Giovanna D’Arco’

La Puzzella d’Orléans

venerdì, luglio 5th, 2013

Ragazze, dovete credermi, io rispetto tutte molte battaglie di liberazione delle donne. Ora però Repubblica.it ci informa di questa signorina Paloma Goñi, spagnola di Malaga, che si batte perché le donne tornino ad essere libere dalla schiavitù della ceretta. Insomma la Giovanna D’Arco del Silkepil. La Pulzella d’Orléans del bulbo pilifero. Che scrive tal manifesto rivoluzionar futurista: “Se dipendesse solo da me non lo farei. Ma dipende davvero solo da me? Logicamente con il mio corpo posso fare quello che voglio, ma non voglio sentire l’esigenza di escogitare piani per nascondermi e non sono una rivoluzionaria. Non sono preparata ad ascoltare critiche e sopportare gli sguardi altrui – scrive – Viene dato per scontato che una donna si rada i peli su gambe ed ascelle. Alcune ragazze sono arrivate a rivendicare il diritto di mantenere i propri peli sulle parti intime. Penso che noi donne dobbiamo tornare a poter scegliere se volerci depilare o meno senza aver bisogno di passare per una rivoluzione”.

Dopodichè, non depilandosi da sette mesi, pubblica la seguente foto:

Paloma anti depilazione - Foto repubblica.it

Ora io già tremo all’idea che questa foto -con la filosofia che sottende- possa entrare in possesso di Arfio. Ci si tiene a specificare nell’articolo che Paloma non è un caso isolato e che al grido di “Riprendiamoci i peli” stiano nascendo gruppi, pagine Facebook e mobilitazioni di ogni tipo. Ma, scusatemi, chi è che obbliga? Quanto a “non voglio sentire l’esigenza di escogitare piani per nascondermi e non sono una rivoluzionaria. Non sono preparata ad ascoltare critiche e sopportare gli sguardi altrui” però, bellamia, dobbiamo deciderci: ti invito a pensare al fatto che altre categorie di liberazione dalle moderne schiavitù hanno deciso di non far più ricorso, ad esempio, al sapone. Rivoluzioni che evidentemente scattano sempre al solstizio estivo, una specie di voto di castità da Badedas. Quando ti capitano accanto questi, tesorobello della foresta amazzonica liberata, che fai? Te casca lo sguardo tipo ora-te-vorrei-buttà-giù-dal-bus o gli stringi la mano e ti compiaci intonandogli Hasta siempre Comandante?

Paloma, scusami eh, ma il punto è anche un altro: ma tu così ti piaci? Voglio dire questa proliferazione del follicolo selvaggio ti fa sentire a tuo agio? Perché io mo’ qui te lo devo dire: non è che si può fare i pasdaran dell’ascella pezzata col naso degli altri. Ognuno si regoli come crede. Ma non pretenda di avere pure gli applausi. Capito Pulzè?