Posts Tagged ‘giornata mondiale della poesia’

Alda Merini, nata il 21 a primavera

mercoledì, marzo 21st, 2018

-Lei non ha mai scritto poesie?
-No, io non…
-Si scrivono quando non si sa dove mettere l’amore

E’ un minidialogo tratto da Tutto quello che vuoi, con Giuliano Montaldo, che può darci accesso ai luoghi nei quali decise di mettere il suo amore una donna nata il 21 a primavera del 1931, da famiglia modestissima, Alda Merini. Frequenta le scuole professionali ma quando chiede di iscriversi al prestigioso liceo Manzoni di Milano non supera la prova di italiano. La scopre quando lei ha 15 anni Giacinto Spagnoletti: sarà anche il primo a pubblicare un suo lavoro, nel 1950: nella “Antologia della poesia italiana 1909-1949” compaiono le sue poesie “Il gobbo” e “Luce”.

Ha 16 anni quando incontra quelle che chiamerà le “prime ombre della sua mente“: viene internata per un mese in un ospedale psichiatrico.

Nel 1951 è Eugenio Montale a sollecitare un editore a stampare suoi lavori, mentre frequenta anche Salvatore Quasimodo. Si sposa nel 1953 con il proprietario di alcune panetterie milanesi. Nel 1955 nasce il primo figlio. Poi l’isolamento. Viene internata fino al 1972, qualche volta tornerà in famiglia e in ogni caso le nascono altre tre figlie.

Ed è proprio sulla sua esperienza in manicomio che nasceranno i testi più intensi. Che il pennino della poesia, per lei, non ha avuto altro inchiostro che il dolore.

Nel 1981 muore il marito, nel 1983 si risposa e si trasferisce a Taranto. Nuovi orrori in un nuovo manicomio.

Nel 1993 riceve il Premio Librex-Guggenheim “Eugenio Montale” per la Poesia, nel 1996 le viene assegnato il “Premio Viareggio” per il volume “La vita facile”; l’anno seguente riceve il “Premio Procida-Elsa Morante“.

Premi, manicomi, premi, manicomi, premi. Poesie che nascono ovunque, soprattutto sui muri di casa.

Nel frattempo versa anche in stato di povertà. Che di Premi non si campa. Nel febbraio 2004 un amico chiede aiuto economico con un appello pubblico. E un appello pubblico viene sottoscritto anche per non far asportare l’intonaco da quella casa (ce ne occupammo anche qui su Supercali).

Morirà a Milano il 1 novembre 2009, nel reparto di oncologia dell’ospedale San Paolo, per un tumore osseo.

Oggi è Alda Merini, quella che “niente mi pettina meglio del vento” e “ci sono notti che non accadono mai”. Oggi è Dio mio, spiegami amore come si fa ad amare la carne senza baciarne l’anima.

Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta.
Così Proserpina lieve
vede piovere sulle erbe,
sui grossi frumenti gentili
e piange sempre la sera.
Forse è la sua preghiera.

Oggi. Oggi che, mentre leggiamo lei e di lei, possiamo tranquillamente chiederci: e allora chi sono i matti?