Posts Tagged ‘Cristo velato’

Femmene

martedì, febbraio 28th, 2017

In principio fu il cuoppo e quanto esso contiene.

Napoli cuoppo

Il cuoppo

Cioè una scorta di trigliceridi che alle 12,30, due ore dopo l’arrivo a Napoli centrale, aveva già coperto il fabbisogno annuale di ciascuna delle femmene arrivanti. Cuoppo di terra: crocchè di patate, arancini di riso, zeppoline di pasta cresciuta, verdure pastellate e mini frittatine di pasta.

Così, satolle e barcollanti, ci rotolavamo dunque attraversando Spaccanapoli all’appuntamento con Nostra Signoria dei Friarielli, la Femmena-in-chief Annanostra. Ora io vi potrei dire anche della caprese che abbiamo preso insieme al caffè Gambrinus. Oppure della graffa col thè delle cinque, mentre sopra al tendone imperversavano acqua fulmini e saette. O meglio ancora degli scialatielli a vongole della cena. O della cioccolata del dopo cena. O dei taralli nzogna e pepe di Leopoldo.

Napoli dolci Leopoldo

Basta nu poc ‘è zuccar

O parlarvi dello slalom fra vicoli, chiacchiere, vetrine da guardare e tutto da toccare e molto poco da comprare, che il guarding e il tocching andrebbero protetti dall’Unesco e qui le commesse lo sanno e non ti stanno in cuollo a ogni minuto.

Ma il momento del picco glicemico acquolinico e sentimentalgastrico lo raggiungevamo alle 10,30 della mattina dopo, domenica, quando, spuntata insieme a un osolemio che ci ripagava di tutti gli scuotimenti di cielo del giorno prima, Annanostra ci si presentava a piazza San Domenico con un cabaret di fiocchi di neve di Poppella, rione Sanità, due giorni dopo che un commando aveva preso a pistolettate le vetrine. Che qui la reazione civile passa non solo per la testa e per la volontà ma, contestualmente, per i vassoi.

Con questo ben d’iddio in corpo ci tempravamo per il rabbocco finale: la visione -o rivisione ma sempre la prima volta ti sembra- del Cristo velato. Che Napoli questo è: ti riempie lo stomaco, gli occhi e il cuore tutto insieme. In continuazione, passeggiando e perdendoti tra vicoli, chiostri, penzieri e sentimenti.

E così lo stomaco vicino al cuore si riscalda a ogni momento e non c’è concione che non ne venga illuminata, comequando a un certo punto dell’Amarcord ci si svelava, dopo il Cristo, anche il quarto segreto di Annuzza, del quale qui voglio rendervi partecipi prendendolo come picco assoluto della planetaria saggezza.

Napoli cucina Pop

Vi dicevo che a Napoli la reazione civile passa, contestualmente alla testa, per i vassoi e ciò ben si addice anche alla reazione amorosa. E dunque, rivangando amorosi trascorsi di corsi e rincorsi

-Eh -dice Anna- quindi fu un amore che ancora non passa?
-Beh -dice Mile- più che amore direi che fu un sentimento
-Eh Milè, nuie tenimm ‘a digestione lenta, vedrai che fra poco sarà una simpatia
-Dici, Annù?
-Dico, Milè: che nella vita dal piedistallo alla saittella è un attimo

La saittella essendo il tombino è dunque alla parabola della saittella che consegnerei alcune primarie riflessioni: quando siete felici fateci caso. Che per la saittella è un attimo

Uà Meripo’ ma in sostanza che vuoi dire? Dico che se hai una malinconia da femmina devi andare a scioglierla in una città femmena con amiche femmene e con un Virgilio femmena, come Anna, Nostra Signora dei friarielli, che con un sinnominato spettacolo torna fra pochi giorni a teatro.

Andate, andate a Napoli: andateci se il cuore sta un po’ ammaccat e anche se sta allegro, andateci spesso, andateci sempre. E attenzione a dove mettete i piedi: che per la saittella è un attimo.

Femmene
di Myriam Lattanzio e Anna Mazza, interpretato da Nunzia Schiano
sabato 4 marzo alle 21.00
Teatro Ricciardi Capua

L’arte del togliere

martedì, dicembre 20th, 2016

Mia nonna Aida diceva che di fronte all’orrore bisogna cercare riparo nella meraviglia. Per questo, durante la guerra, leggeva a mia madre e ai suoi fratelli piccoletti, da profughi sfollati in un fondaco umido e maleodorante, I promessi sposi.

Così stamattina, con ancora addosso l’orrore di Berlino e di Ankara, mi è tornato in mente il Cristo velato. Non so come mai non l’avessi mai visto fino alla veneranda età di un par d’anni fa. Non dico dal vero ma nemmeno in foto. Ci portò Grace, a me e alla giovane older. E so solo che quando mi ci sono trovata davanti per la prima volta ho avuto paura davanti ad un’opera d’arte. Che probabilmente quando la bellezza e la perfezione superano una certa soglia, lo sbigottimento lascia spazio al timore e, in questo caso, all’inquietudine e allo spavento.

Ed è stato entrando nella Cappella Sansevero, in mezzo alla già magnificente magnificenza che ci ruotava tutto intorno, che ci è apparso poggiato in mezzo alla stanza, questo:

Napoli, Cappella Sansevero

Napoli, Cappella Sansevero

Il Cristo velato. Opera di tal Giuseppe Sammartino, 1753. Ve lo metto anche tutto intero:

cristo-velato-figura-intera

Marmo. Ma ditemi un po’, non vi sembra che l’autore invece di agire “per forza di levare” abbia al contrario messo un velo su un corpo e l’abbia nonsoccome marmorizzato dopo? E infatti anche questo hanno ipotizzato: che usasse cadaveri. Poi che usasse formule alchemiche scioglitive. E ancheAntonio Canova, incredulo e trasformatosi nel Salieri di Mozart della situazione, pare che una volta, tentando di acquistare l’opera, disse che avrebbe dato dieci anni della propria vita pur di essere considerato l’autore di questo capolavoro.

Dunque il capolavoro nato, come tutte le sculture, dall’arte di togliere. Che se esistesse un corrispettivo sentimentale forse sarebbe l’arte del mancare. E del mancarsi.

Io so solo che lì davanti sono rimasta, perdonate, impietrita. Non ricordo una cosa simile neanche davanti al Michelangelo della Pietà.

Che davvero di fronte a quel marmo tutto si prova tranne il freddo. E ancora oggi, quando ripenso a questo velo poggiato mi viene un brivido lungo la schiena. A pensare a come si possa, in un mondo che tutto tende ad aggiungere e ad accumulare, trasmettere un senso di perfezione e di incomparabile bellezza togliendo.

L’arte del togliere e del mancare

martedì, aprile 8th, 2014

(Napoli secondo estratto, nel senso seconda puntata)

Non so come mai fino ad oggi non l’avessi mai visto. Non dico dal vero ma nemmeno in foto. So solo che quando mi ci sono trovata davanti per la prima volta ho avuto paura davanti ad un’opera d’arte. Che probabilmente quando la bellezza e la perfezione superano una certa soglia, lo sbigottimento lascia spazio al timore e, in questo caso, all’inquietudine e allo spavento.

Grace, qualsiasi programma fosse costretta a cambiare di pari passo con le avverse condizioni atmosferiche delle previsioni napoleoniche nel senso di Napoli, concludeva sempre la frase dicendo che, comunque, quello era imprescindibile.

Ed è stato entrando nella Cappella Sansevero, in mezzo alla già magnificente magnificenza che ci ruotava tutto intorno, che ci è apparso poggiato in mezzo alla stanza, questo:

Il Cristo velato. Opera di tal Giuseppe Sammartino, 1753. Ve lo metto anche tutto intero:

Marmo. Ma ditemi un po’, non vi sembra che l’autore invece di agire “per forza di levare” abbia al contrario messo un velo su un corpo e l’abbia nonsoccome marmorizzato dopo? E infatti anche questo hanno ipotizzato: che usasse cadaveri. Poi che usasse formule alchemiche scioglitive. E anche Antonio Canova, incredulo e trasformatosi nel Salieri di Mozart della situazione, pare che una volta, tentando di acquistare l’opera, disse che avrebbe dato dieci anni della propria vita pur di essere considerato l’autore di questo capolavoro.

Dunque il capolavoro nato, come tutte le sculture, dall’arte di togliere. Che se esistesse un corrispettivo sentimentale forse sarebbe l’arte del mancare. E del mancarsi.

Io so solo che lì davanti sono rimasta, perdonate, impietrita. Non ricordo una cosa simile neanche davanti al Michelangelo della Pietà.

Che davvero di fronte a quel marmo tutto si prova tranne il freddo. E ancora oggi, a distanza di giorni, quando ripenso a questo velo poggiato mi viene un brivido lungo la schiena. A pensare a come si possa, in un mondo che tutto tende ad aggiungere e ad accumulare, trasmettere un senso di perfezione e di incomparabile bellezza togliendo.