Posts Tagged ‘coreografo’

“Me”, L’arte di ricominciare

venerdì, aprile 21st, 2017

Le Donne in rinascita, certamente. Ma vi pregherei di non sottovalutare anche gli uomini quandocisimettono. Andrea l’ho conosciuto due matrimoni fa, il suo e il mio (ma non lo stesso eh, ciascuno col coniuge proprio) ed era un coreografo, anzi un “mover” come preferisce dire lui, artista, performer e chi più ne ha ne metta e viveva a Roma dove era anche Direttore della Compagnia Ars Movendi.

Senonchè siccome l’amore sarà pure eterno ma una volta su due finisce, è successo che anche per Andrea è arrivato il momento di ricominciare dopo la parola Fine. E che ha fatto? Ha fatto che a un certo punto me lo sono ritrovato chef in zona Tuscia. Coreochef, diciamo.

Andrea Me

Andrea Cagnetti al Me (foto Meri Pop)

Ho assistito su Zuckercoso a tutte le fasi preparatorie del Me-L’arte del dare, che inaugura il 23 ad Oriolo, una cura assoluta, quasi maniacale, in ogni dettaglio, dalle piastrelle, alle lampade del giardino, alla fontana. Così qualche sera fa ci sono andata (lo inaugura domenica ma è già all’opera). E sì, ho avuto la conferma che le cose migliori spesso nascono da quelle che ci si presentano come le peggiori e che nella vita ogni intoppo o sconquasso nasconde un’opportunità. Il Me, dunque, che non è solo un ristorante ma è centro d’arte-bistrot-casa-atmosfera-relax-compagnia: non si sa cosa si nutra prima e meglio, se il palato, la vista, l’umore.

Caminetto Me

Il CaMEnetto (Foto Meri Pop)

E dunque dopo l’ordinazione -Cosa vi porto? -Fai tu
sono planati sul tavolo in sequenza:

Slice di patata gratinata con aspic di cozze
Panino con farcitura di lasagnetta Valentina (indivia belga brasata nel burro con gamberi flambè al cognac e parmigiano)
Crocchetta di gambero con marmellata di ananas
Tonnarello mantecato con bisque e gamberi agli agrumi piccanti
Krapfen di spigola alla crema di carciofi
Pastiera
Mousse al gianduia
Caffè (Castroni)

Io ho accompagnato il tutto con un bicchiere di Rusada, il mio commensale con due di Spirito Libero, entrambi biologici, vini della Tenuta Casteani, l’altra commensala è astemia e ha comunque ricevuto la “carta delle acque”: soddisfazioni a pioggia, proprio.
Conto: 30 euro a testa

Aperitivo Me

Le crocchette di gambero con marmellata di ananas

Alla fine, noi belli satolli, Andrea è venuto a sedersi a tavola ed è stato lì che, ritrovatolo via da Roma, via dalla danza, via dalla pazza folla, gli ho chiesto “Perché siamo qui?”
e lui:
“Perché qui mi sento a casa, perché da piccolo venivo nei boschi qui intorno, perché quando mi sono separato ho deciso che avrei ricominciato da dove avevo lasciato e ho cercato un luogo che fosse sguarnito di scuole di danza”.
Con Oriolo Romano è stato amore a prima vista:”“In hoc consistit verus amor” è il motto che si legge nello stemma del Comune di Oriolo, questo è un posto dalle forti valenze esoteriche che si ritrovano anche nel Palazzo Altieri. Ogni fine è un nuovo inizio e la mia rinascita è questa. Ciò che c’è stato prima? Un embrione di quanto c’è qui. Insomma finora sono stato un cresciutello embrione”.

Si dice che gli amori cominciano nello champagne e finiscono nella camomilla (Valery Larbaud) e invece il Me è la dimostrazione che può succedere anche il contrario.

Andate a trovare Andrea, andate al Me. Se ci andate domenica 23 troverete anche Ambrogio Sparagna con la Taranta d’amore. E buona vita a tutti

Me, L’arte del dare
Caffetteria ristorante bistrot
Via G. Mazzini 1, Oriolo romano
tel. 345-5592454