Posts Tagged ‘arte’

Qualsiasi cosa sia destinata a te…

lunedì, maggio 13th, 2019

Qualsiasi cosa sia destinata a te troverà il modo di raggiungerti.

Sarà probabilmente per questo che, evitatolo scientemente a Roma, me lo sono ritrovato a Napoli.
Scannasurice“, letteralmente scanna topi.
“Un’ora di monologo in napoletano stretto di cui capirai nonsoqquanto ma che, e non saprei dirti come né perché, ti conquisterà”. E’ così che me lo ha presentato Danilo, l’amico che ci ha lanciato la sfida. “Venite. Venite a vederlo a Napoli”.

Perché sarà che Parigi è sempre una buona idea ma mai così buona come Napoli.

E a me e a Pat non sembra vero trovare una scusa per andarci.
A un quarto d’ora dall’inizio dello spettacolo Danilo ci dice

-Entrate un attimo, vi faccio vedere il teatro ancora vuoto. Il Teatro Elicantropo: piccolo, raccolto, post industriale, ex falegnameria resuscitata come teatro grazie a tre coraggiosi artisti (uno ve lo presento fra pochissimo); tutto nero, con gradinate a cuscini rossi. Siamo lì in silenzio quando, dal piccolo palco costruito a loculi di cemento stile cimiteriale, sbuca una figura strana.

Sobbalziamo come chi pensava di esser lì da solo mentre, districandosi tra gli anfratti di cemento come una contorsionista, sbuca lei. Lui. Leilui: retina in testa, cerone in faccia, maschera di trucco, un cardigan abbondante a coprire un indecifrabile corpo. Occhi e incedere magnetici. Paura. E una vocina dentro -Uànema, vedi che serata t’aspetta mo’ …
Ma a quel punto è già tardi: quell’entità magnetica si avvicina e io non riesco più a staccarle gli occhi di dosso. Ci saluta, ha una voce calda, dolce, femminile.

-Meripo’ ti presento Imma Villa, la protagonista

Ve la faccio breve. Finisce, dopo un’ora di spettacolo, con me in lacrime, trucco completamente sciolto che sembro più Scannasurice, femminiello e mascherone di lei.

In mezzo un’ora ininterrotta di emozioni, di cambi di voce, di stili, di generi teatrali e sessuali lui-lei-laltro-ilnonso, in cui si ride, si trattiene il fiato, ci si dispera, ci si rialza. Un’ora in ostaggio della magìa, della disperazione, della bravura. Un’ora sulle montagne russe insieme a questo femminiello dei Quartieri Spagnoli, che batte e si sbatte per sopravvivere all’indomani del terremoto del 1980 .

E precipitiamo con luilei nel baratro della stamberga in cui abita tra surece (topi), munnizza e dolore ma anche fra belle mbriane e munacielli perché «Le case sono intonaco e divinità».

Sapevo come andava a finire la storia. Eppure quella fine mi ha travolta lo stesso, senza più difese.

Per un’ora non si è sentito un fiato che non fosse il suo, quello di Imma Villa intendo. E quando è chiaro che è finita e si spegne anche l’ultima luce, tutti aspettano quegli interminabili due tre secondi per far partire il primo battito di mani che diventa torrenziale e infinito e che alla fine ci fa alzare tutti in piedi.

Lei stremata ringrazia, si inchina, sta a mani giunte, indica la regìa, i tecnici e noi che non riusciamo ad andare via.

Da domani Scannasurice sarà al Piccolo di Milano.

Amiche e amici di lassù, se potete fatevi questo regalo. Consegnatevi spontaneamente in ostaggio a questa inspiegabile e indicibile forza che si chiama arte.

 

Scannasurice
di Enzo Moscato
regìa Carlo Cerciello
dal  al 
Piccolo Teatro Grassi

Zitti e Muti

lunedì, settembre 22nd, 2014

Nell’indimenticabile viaggio a Londra scortata dalla mia amica Mariapà scoprii, oltre alle mie radici di Viale dei Ciliegi, il fascino dello stalkeraggio artistico, cioè viaggiare inseguendo non solo bellezze ma anche bellezzi. Cioè sostanzialmente noi eravamo lì all’inseguimento di Jude Law versione Enrico V (intercettammo anche un Colin Firth seduto in prima fila). In realtà Mariapà poi insegue anche la Signora in giallo e svariati altri artisti e ogni tanto si regala questi piccoli grandi risarcimenti per l’anima: due giorni con volo low cost e alberghetto per afferrare questi sprazzi di mistero chiamata arte. E Mariapà non è l’unica.

Tutto questo per dire che Riccardo Muti lascia l’Opera di Roma per impraticabilità del campo.  Troppo casino, dice sostanzialmente. La mia amica Rossella sta già mettendo in rampa di lancio l’hashtag #nciafacc. Se una decisione simile l’avessero presa Totti o Tevez probabilmente oggi saremmo travolti da uno psicodramma collettivo. Per ora lo psicodramma ha riguardato di certo Grace, me e alcuni altri che aspettavano di fiondarsi sui biglietti dell’Aida che avrebbe diretto a novembre. Siamo purtroppo recidive e anche un po’ monotone, lo so: non ci è mai andata giù quella cosa di far saltare la Boheme a Caracalla e non perché si sia ostili ai sindacati e alla difesa dei diritti dei lavoratori ma perché, in questo caso, l’effetto finale è uno solo e danneggia tutti: affossare il prestigio del posto nel quale si lavora.

Dunque Muti fa le valigie. E Muti non è solo un direttore d’orchestra per cui Muto un direttore se ne fa suonare un altro: Muti è un marchio. Muti è la nostra pizza doc, il nostro Brunello di Montalcino, la nostra Ferrari. Attira attenzione, interesse, soldi, turismo. E trovo sconcertante che si rivolgano appelli “per farlo tornare”: come se il produttore del Brunello denunciasse che l’uva è immangiabile e invece di dirgli “ok, cambiamo l’uva” gli si dicesse “eddai, rifacci il vino anche se è una ciofeca”.

Non è Muti che deve tornare: son le cose che devono cambiare perché Muti torni. E queste cose hanno nomi, cognomi e responsabilità.

Stamattina, in una romantica telefonata di inizio settimana, chiedevo al Professor Pi, nell’ordine
-Senti, quando scendi a trovarmi? E come si propaga il suono?
Lui imperturbabile ha risposto:
1) Venerdì con il treno 2) Con l’atmosfera e l’ambiente

Perché le onde sonore si propaghino è necessaria l’atmosfera giusta, è necessario l’ambiente. Altrimenti l’onda resta ferma. E muta. Ma in questo caso rischia, pur stando ferma e muta, di travolgerci tutti.

Abbiate Pietà

martedì, febbraio 18th, 2014

Giunto in semifinale fino allo sportello della biglietteria, alla fine domenica Monuments Men ha prevalso su Smetto quando voglio. Determinante si rivelava lo sprint finale del Professor Pi

-Meripo’, considera anche i protagonisti

che nella mia accezione erano Matt DamonBill MurrayJohn GoodmanJean Dujardin e George Clooney, nella sua Michelangelo, Degas, Raffaello, Renoir, Picasso e colleghi.

La storia, vera, è quella della più grande Caccia al tesoro messa in piedi in tempo di guerra, la seconda mondiale, per trovare e restituire le opere d’arte rubate dai nazisti prima che Hitler le distrugga. Tra le opere c’è uno dei capolavori di Michelangelo, la statua della Madonna di Bruges. Lo racconto oggi quttrocentocinquantesimo anniversario della morte di Michelangelo Buonarroti.

Una delle domande che il film ci fa mentre stiamo spaparanzati sulla poltrona è se valga la pena dare la vita, letteralmente, per l’arte. perché lì così accadde. Farsi sparare in petto per difendere una statua, un quadro, una tela, una scultura.

E forse è questo che dovremmo pensare ogniqualvolta l’arte la calpestiamo: non stiamo mandando alla malora solo la nostra storia, la testimonianza di chi siamo e da dove proveniamo. Stiamo rendendo inutile anche il sacrificio di chi per quel patrimonio ha dato o speso la vita.

Insomma mi veniva in mente, guardando tutto quel sangue in guerra, che aver cura dell’arte non è un vezzo da intellettuali o da nullafacenti ricchi di famiglia che possono permettersi il lusso di occuparsi del superfluo ancorché divino: è anche difendere quello che siamo e siamo stati. E difendere la memoria chi ci ha permesso di arrivare sin qui.

Se non vogliamo farlo per l’arte facciamolo per la Pietà. Pietà umana.

La particella di Caravaggio

giovedì, luglio 5th, 2012

E’ che a un certo punto, nel pieno della spenning review e  mentre sul sito di Repubblica scorrevano le foto del bikini di Candice, di Heidi Klum e lo stacco coscia di Irina, la mia amica Carol ha esclamato
-Hanno ritrovato i disegni di Caravaggio, Meri guarda sul sito dell’Ansa
Così, affranta dallo spread e dal bund ho digitato mestamente il vuvuvu. E qui è apparso questo:

Il volto di Cristo – Foto Ansa

Dunque per quei quattro depravati superstiti sopravvissuti agli stacchi coscia estivi c’è Caravaggio.

Che se Higgs e compagni hanno trovato una particella di Dio nel bosone secondo me l’Ansa ne ha trovata un’altra in questi disegni qua.