Posts Tagged ‘All you need is love’

L’amore, quello di quando ce la fa

lunedì, giugno 10th, 2019

Avendo sviluppato una certo qual cinismo in materia a seguito di sentenza di divorzio passata in giudicato e a seguito di nove anni di onorata carriera di sentimental blogger in cui ne ho viste, sentite e combinate a livello top di gamma, attraversando inoltre un presente periodo di precariato emotivo diffuso, all’inizio pensavo me stesse a prende in giro. Quando cioè lei mi ha detto

-Meripo’ mi sposo. Ci vieni?

No so perché mi fossi fatta l’idea, nel tempo, di trovarmi di fronte a una single professionista e dunque pacificata con la vita e apperciocchè serenissima. Ma ci avevo preso solo sulla Serenissima: perché a Venezia, aggiunse, ci sposiamo. Al lido di Jesolo, per la precisione. Contestualmente apprendevo che essi stavano insieme da 27 anni. Ve lo ripeto: ventisette anni. Eddunque ancor di più mi chiedevo

-Ma mo’ dicoio perché bisogna sfidare la sorte?

Ritrovarmi su un pullman di romani in trasferta che cantano “Mi son El gondolier” è stato un attimo.

Causa traffico a livelli di Roma-Ostia la domenica estiva, venivamo catapultati quasi direttamente dal pullman alla spiaggia, fatto salvo un affrettato restauro.

Così, alle 17,30 del primo vero giorno di una primavera che non arrivava mai e che quando l’ha fatto quasi ci faceva rimpiangere l’inverno (altra grande metafora dell’amore), ci ritrovavamo su una spiaggia splendida, di fronte a un faro, che pure Jesolo quando ci si mette fa le cose in grande.

Comunque a me ci vuole ben altro, eh, per distogliermi dalla ragione sociale cinica di questo blogghe.

Ve la faccio breve. Ho resistito strenuamente. Finché l’ho vista arrivare, Fiammetta. Felice.

Fiammetta, Luciano, l’amore e noi (Foto Luciana Bregonzio Cembran)

Ed è stato mentre stavo lì a fare foto, che insomma cihoppursempre un blogghe e Ilmondodevesapere e darsi na regolata, che ho visto Fiammetta e Luciano guardarsi. Ebbasta. Guardarsi soltanto. E poi a tradimento i suonatori hanno iniziato a cantare All you need is love.

Ed è stato a quel punto che porcamiseria le lacrime hanno preso a tradimento me. Contestualmente una mano pietosa mi passava un fazzoletto per arginare l’eyeliner che si scioglieva insieme ad anni di resistenza attiva. Sissignori. Laqquippresente Meripo’ non lo sa ancora cosa sia l’amore però quando lo vede a volte -a volte- lo riconosce. E su quella caspita di spiaggetta del Faro di Jesolo io l’ho visto.

L’amore, quello di quando ce la fa. Che alla fine il cinismo è solo questo: un amore che non ce l’ha ancora fatta.

Eccheccavolo Fiammè a me sembra che mo’ ci posso credere di nuovo pure io. E che, ora sì, possiamo andarci a riprendere tutto quello che è nostro. In caso di emergenza anche il matrimonio. 

(Nino che ci fa le bolle di sapone. Che alla fine la felicità è un po’ così, come le bolle: non devi soffiarci troppo forte sopra. E devi godertela così, impalpabile e leggera. Foto Mary Cacciola, supervisione Andrea Lucatello. Cinziè perdonami se l’ho pubblicata ma ilmondodevesapere e deve pure vedere un pezzetto della redazione di Repubblica Live).

Perché All you need is love