Canzoni che hanno rovinato generazioni/ Maledetta primavera


Tags: , , , ,

Categoria: Musicalifragili   |    4 Comments »   |   

Insomma, Lorè, se solo t’avesse fatto causa un milionesimo di quelli che si sono percepiti innamorati nell’arco di un’ora, a quest’ora (appunto) saresti sul lastrico.

Perché prima della “Maledetta primavera” una era consapevole che in un’ora riusciva a malapena a valutare come ti porgeva la mano (fredda, calda, sudata, moscia, a ganascia), che calzini indossava (corto, bianco, di spugna, a volte tutti e tre insieme), cosa ordinava al ristorante, a chi faceva pagare il conto (e si Lorè, si innamorano in un’ora ma fanno alla romana in pizzeria al primo appuntamento) dunque dicevo prima della maledizione della primavera si sapeva cosa poteva accadere, al massimo, in un’ora.

Senonché tu hai sdoganato il più grande alibi mondiale: “che imbroglio se/ per innamorarmi basta un’ora”. Stavi, evidentemente, parlando di una sòla ma noi no: abbiamo voluto credere che in un’ora si, ci si potesse effettivamente innamorare. E manco sarebbe stata colpa nostra ma della maledetta, appunto, primavera.

Poi hai voglia a dire “che fretta c’era maledetta primavera che fretta c’era se fa male solo a me”: lì ci siamo arrivate dopo. Cioè troppo tardi. Che per il “Che resta dentro di me di carezze che non toccano il cuore” toccava aspettare la riga 23: capirai, quello ci aveva già sdraiate. Nel senso emotivo. Ma non solo. E si sa che purtroppo gli innamoramenti vanno testati quando si sta in piedi e non da sdraiati.
Perché, te lo ricordo, a riga 6 avevi messo “Che resta di un sogno erotico se/ al mattino è diventato un poeta”: cioè, mi spiego, una andava a dormire con lo scoparino e la mattina si risvegliava accanto a Neruda. E non si fa. No.
E infine quel “Lasciami fare/ come se non fosse amore” : e infatti non era amore, Lorè. Erano ormoni. Che, appunto, con gli attuali chiari di luna, solo quelli, al massimo, si risvegliano a primavera. 

4 Risposte to “Canzoni che hanno rovinato generazioni/ Maledetta primavera”

  1. pinenji Dice:

    la

  2. pinenji Dice:

    la canzone che mi ha davvero presa in giro è stata “Quanto t’ho amato”. ‘Sta canzone la prima volta che l’ho sentita, la cantava il regista di Piazza Italia (non mi ricordo il nome)su Rai2, e mi piacque moltissimo; poi Roberto Benigni la ricantò perché gli piaceva tanto e stavolta mi scrissi le parole. Miii! Quante volte mi sono cantata sta canzone guardandolo con occhi di cane fedele! Le parole non contano? Conta la musica! E com’è che poi ti sei messo con un’altra?? Ma col silenzio non dovevi dirmi che m’amavi? Che gran figlio ‘ ntrocchia!

  3. mara Dice:

    quando qualche giorno fa ho letto il post, ho pensato che mai analisi del testo fu più efficace. dovrebbero farla così a scuola…solo oggi trovo il tempo per scriverlo perché l’esamone mi ha completamente prosciugato (certo non i rotolini di ciccia, però). a pensarci bene la canzone che mi ha fregato sul momento e poi illuminato qualche anno dopo è stata l’ultimo bacio (ma questa è un’altra storia).

  4. MeriPop Dice:

    tipo confusa e felice…
    http://www.youtube.com/watch?v=q5Ig8V8tL5s

Lascia una Risposta

Copyleft SuperCaliFragili | Design by Riversman Entries RSS Comments RSS