Pop kitchen/ Elenco del minimo sindacale da comprare per una cucina minimamente degna del nome


Tags: , , , , , ,

Categoria: Chiccen for dammis   |    5 Comments »   |   

Avendo il Professor Pi effettuato un sopralluogo nella Pop Kitchen nel giorno dello sdoganamento dall’Erasmus nell’insalata già pronta, prosciutto e parmigiano e al massimo la Zuppa del casale, e avendo eseguito l’ormai celeberrima pasta alla siciliana rivisitata, in assenza di instrumenti che mi chiedeva di passargli e per i quali regolarmente rispondevo
-non ce l’ho
egli mi ha consegnato una lista del minimo sindacale che dovrebbe essere rintracciabile in una cucina e su una tavola di qualsivoglia levatura minimamente degne di questo nome:

Mestoli di legno
Pentola per la pasta
Tegame grande
Due tegami piccoli
Pentola a pressione
Numero una padella di diametro 28
Set coltelli da cucina no dell’Ikea
(-Coltello per il battuto
-Eccolo
-Meripo’ coltello decente per il battuto
-Non ce l’ho
-Aggiungi)
Coltellini taglienti (guardate, da Ikea va bene la libreria Billy, anche la cassettiera Malm ma i coltelli lasciate perdere)
Teglia da forno tonda di vetro
Forma per plum cake (Professor Pi ma io non mi ricordo manco come si fa la frittata, mo’ il plum cake? Meripo’ io non capisco queste tue previsioni sempre al ribasso, innalzati. -Vabbè, tiremminnalz)
Teglia apribile
Teiera (Teiera? Meripo’, da dove pensi di versare il thè, mica dal bollitore?)
Boule di metallo (-Eh? -B-o-u-l-e di me-tal-lo, per gli impasti -Gli impasti, si si si m’innalzo)
Pelapatate
Grattugia
Zuppiere
Formaggiera
Posate da insalata
Saliera, pepiera, oliera acetiera
Piatti da portata
Grembiule
Bicchieri da alcol
Whisky, Rum, Grappa, Cointreau, un Amaro

Non oso pensare se ora ci passassero anche Franka e Grace (che pure ci ha cucinato una pasta con le vongole coi controcavoli), (mia sorella lo sa quindi porta già tutto da casa sua), non mi basterebbe manco l’europrestito per la Grecia.

Vabbè ora vado a chiedere un mutuo a conto Arancio, nel senso la banca non l’agrume.

5 Risposte to “Pop kitchen/ Elenco del minimo sindacale da comprare per una cucina minimamente degna del nome”

  1. ex-First Lady Dice:

    Nooo..ma è troppo utile la lista….!!!!
    Mi sento di aggiungere un piccolo tagliere per tagliarci sopra laqualsiasi, meglio se di plastica…e la frusta. No MeriPop, non quella da usare in camera dopocena, ma quella per sbattere le uova 😉
    Altro oggetto fondamentale, il microonde, con accessorio per cuocere a vapore….sostituisce benissimo la pentola a pressione che in 2 anni non ho mai usato.

  2. MeriPop Dice:

    Il tagliere, nel numero di due DI LEGNO, me li aveva già fatti acquistare al sopralluogo precedente, prima ancora che finissero di sistemare le mattonelle, per dire. La frusta deve essergli sfuggita, per altro non ha richiesto manco manette di pelouche.
    (funzione microonde è prevista nel forno normale ma non so ancora usare né l’uno né l’altro… First, gnaafaròmmai!!)

  3. ex-First Lady Dice:

    Sono curiosa di vedere la nuova casina!!! 🙂

  4. Lauren Dupall Dice:

    Avevo deciso di comprare (da Ikea) un paio di mobili/dispensa, causa sovrannumero di padelle, utensili e cazzilli vari: ho la forma per i ‘turtlen’, stampi di ogni tipo (chiedete, ce l’ho), spatole in silicone, pennelli, taglia pasta, coppapasta… ok, mi fermo qui. E ho un ragazzo che mi si è appassionato a Masterchef, colpa mia, ammetto. L’altro giorno mi ha chiesto: ‘ma tu ce l’hai l’emulsionatore? e la sac a poche?’ No, tocca comprarli eh…’ Mi sa che di mobili ne prendo tre.

  5. MeriPop Dice:

    Ne ha rovinati più Masterchef che Colpo Grosso di Smaila. gesummio, la sac a poche

Lascia una Risposta

Copyleft SuperCaliFragili | Design by Riversman Entries RSS Comments RSS