Chi lascia il fidanzato vecchio per il nuovo sa di certo che lo lascia ma non sa se lo ritrova


Tags: ,

Categoria: Posta a posta   |    2 Comments »   |   

Cara Meri,
non è che chiederesti al Professor Pi che cosa si può fare in caso di indecisione fra “meglio un uovo oggi o una gallina domani”? Intendo dire che, alle prese con un fidanzato A di lungo corso, avrei più o meno appurato che su alcune cose è irrecuperabile, tipo odia il cinema e le mostre, cose alle quali però, passata la sbornia iniziale del mi-ve-bene-tutto, io in realtà tengo. Ma è anche vero che, consultate le statistiche e data anche un’occhiata ai fidanzati delle amiche, mi chiedo: fino a che punto è il caso di osare, o di azzardare, alzando l’asticella delle pretese? La scienza ci insegna qualcosa in questo senso?
Grazie
Ginevra
 
Gentile Ginevra,
la questione che Ella pone riguarda essenzialmente il caso di chi non abbia dato ascolto ai campanelli e, di conseguenza, ora sia alle prese con un problema di “ottimo”: vincolato o meno?
La ricerca dell’ottimo vincolato tiene conto dei limiti del sistema in cui ci muoviamo. La ricerca dell’ottimo assoluto la si esplora in tutto il dominio possibile.
Non vi è dubbio che l’ottimo assoluto sia migliore di quello vincolato ma nell’allentare i vincoli non sempre si riesce a capire dove si arriva.
Ad maiora, Suo Pi

Traduzione a cura di Meri Pop: a Ginè, qui c’è gente che soffre. E non ci ha nulla. Un po’ di rispetto. Tieniti ‘st’ottimo vincolato a, al limite, alla scadenza della cedolare secca, glielo cedi a qualche altra povera disgraziata in usufrutto.

2 Risposte to “Chi lascia il fidanzato vecchio per il nuovo sa di certo che lo lascia ma non sa se lo ritrova”

  1. Beerbohm Dice:

    L’argomento è stato trattato in maniera serissima (corredato di formule matematiche a giustificazione delle quali io ovviamente nulla ho capito) in un libro che illustra in modo molto divertente l’utilizzo della statistica nella vita quotidiana. Non me ne ricordo il titolo nè l’autore, mi pare sia uscito per Raffaello Cortina qualche anno fa, lo possiedo ma non a portata di mano.

    Ricordo però quello che diceva: il modo migliore è andare con la metà dei fidanzati con i quali si ritiene di potere andare in tutta la vita, e dopo avere raggiunto questo numero non appena se ne incontra uno migliore dei precedenti, sposarlo subito.

  2. Beerbohm Dice:

    ritrovato su amazon il titolo esatto

    Chance. Dai giochi d’azzardo agli affari (di cuore)

    di Amir D. Aczel

    Correggo anche quanto scritto sopra, avendo recuperato il pensiero esatto dell’autore

    «Per trovare il migliore dei fidanzati possibili» afferma Aczel, «si dovrà uscire con il 37% della totalità di ragazzi che ci si aspetta di incontrare nella vita, per poi scegliere il migliore tra quelli incontrati». Come sia arrivato a quella percentuale è materia di un’altra conferenza, infatti dichiara: «mi ci sono volute diverse pagine di calcoli matematici».

Lascia una Risposta

Copyleft SuperCaliFragili | Design by Riversman Entries RSS Comments RSS