Andare senza rotelle


Tags: , , ,

Categoria: La giovane older   |    5 Comments »   |   

Mia nipote ha tolto le rotelle alla bici. Era tanto che ci provava. Anni. Alla fine sembrava aver rinunciato e diceva: “tanto non me ne importa niente”. Ma lo diceva con le lacrime agli occhi e tirando su col naso. E chiedeva continuamente: “ma tu quando le hai tolte, le rotelle?” e tutti giù a spostarle in avanti la data effettiva dell’iniziazione.

Poi, ieri.
DRIIIIIN
“Zia, ziaaaaaaaaaaaaa, lo sai che vado in bici senza rotelle?”
“Amore, ma è una notizia fantastica. E come hai fatto?”
“Non lo so nemmeno io come ho fatto. A un certo punto PUM, sono partita”
Pausa
“Senti, zia, e tu quando hai imparato ad andare senza le rotelle?”
“Beh ecco, pure io mi pare a nove anni”
“Ah. E poi anche l’anno scorso. Quando vi siete lasciati con zio”.

Riuscire ad andare senza rotelle: un piccolo passo per la giovane older, un grande passo per sua zia.

5 Risposte to “Andare senza rotelle”

  1. Sunny Dice:

    Ah MeriPop, ma prima o poi me li dovrai riconoscere i diritti d’autore.

    Ad essere sinceri MeriPò, da allora mi sembra tu abbia preso il brevetto per pilotare i tornado ;o)))))

    E chi te ferma più!.

  2. First Lady Dice:

    ….ribadisco, tua nipote Meri Pop è un genio!!
    …ecco magari sulle cose “acrobatiche” tipo la bici ci ha messo un po’, ma in fatto di saggezza, lucidità, acume…ecc…non ce n’è per nessuno! 😉

  3. MeriPop Dice:

    Potremmo proporle la nomination per PresdelCons ma temo ci risponderebbe:zia non posso, ho da fare.

  4. MENA A BREA Dice:

    forse risponderebbe… ho di meglio da fare… ora che ho tolto le rotelle alla bici, voglio cominciare a volare e a conoscere il mondo…. da quello che dici di lei, quanto sarebbe impossibile?

  5. Marco Guidelli Guidi Dice:

    Ma che bello, Meri Pop!
    E’ che le rotelle sono gabbie: inventate con l’asserita finalità di proteggerci e darci un approccio graduale alle meraviglie del ciclismo, in realtà ci impediscono di imparare la cosa fondamentale, cioè che andare in bicicletta significa coordinare i movimenti del manubrio con l’inclinazione del corpo.
    Questo le rotelle non lo permettono.
    Fuor di metafora, forse anche nelle relazioni bisognerebbe partir da subito senza “rotelle” ché sennò mica s’impara l’arte.
    E cosa sono le rotelle in una relazione?
    Ognuno/a di noi in realtà lo sa bene.

Lascia una Risposta

Copyleft SuperCaliFragili | Design by Riversman Entries RSS Comments RSS