Flebili segni di frenata nel declino dell’Universo


Tags: , , , ,

Categoria: Parole   |    7 Comments »   |   

Avete presente, si, quelle giornate del cavolo che non si muove nulla manco a pagarlo? Il telefono non squilla, Fèisbuc in coma vigile, la mail chetelodicoaffà. E fuori pioggia, pioggia, pioggia. E dentro grigio, grigio, grigio. Finché a un certo punto, a un passo dall’iscrizione al Movimento per l’autorottamazione dell’umanità, mi s’illumina la finestrella di Fèisbuc. E arriva lei.

Cara Meri Pop,
volevo solo farti sapere che venerdì notte, mentre ero a Roquebrune-Saint-Martin-sul-mer per un romantico week end, ho sognato che mi arrivava la notifica di un tuo nuovo, imperdibile post. Meri Pop, hai creato un mostro.
S.

Che in un primo momento una, col riflesso condizionato del deserto dei tartari che ormai imperversa al file non dico “amore” o “amore romantico” che manco ci ricordiamo più che cavolo significa, ma anche solo a “cenni di vita rintracciabili dalle parti del pericardio”, ecco dicevo col riflesso condizionato di dover rispondere solo a segnalazioni di casi di “non gli piaci abbastanza” e ricerca scomparsi, in un primo momento ho automaticamente risposto:

“Ok, girami pure la parcella dello psicanalista. Ciao. Meri”

Solo che poi ho rimesso insieme la sequenza “mentre ero a Roquebrune-Saint-Martin-sul mer per un romantico week end”. E l’ho rimessa in fila quindici volte ma sempre “mentre ero a Roquebrune-Saint-Martin-sul-mer per un romantico week end” c’era scritto.

Su “romantico uichend” mi sono soffermata altre sei volte prima di prendere coraggio e ripostare:

“Scusa S. forse ho letto male o ti sei sbagliata: nel uichend tu ti trovavi effettivamente a Roquebrune-Saint-Martin-sul-mer per un romantico week end”?

E la sventurata risponde: “si”.

Esse, scusami, io lo so che c’è la praivasi però qui c’è gente che soffre. E pure gente che s’offre ma nessuno se la fila. Qui c’è gente che l’unico suffisso applicabile per dove e come fa i weekend è “de-merd” e io ora ho l’obbligo civile di poter dare una speranza. Flebile. Scritta sull’acqua. Anzi, sul mer.

Una. Una sola. Ma pur sempre speranza: tu. Tu e il romantico uichend. Che, ho appurato subito, S. non si stava facendo da sola (che anche questa abbiamo visto) ma con uno. Un esponente del sesso a noi statisticamente avverso.

Esse, qua non ce la fa manco una su mille, come cantava bellociao. Tu lo capisci che sei un faro per tutte? Come Marco Mengoni che scippa un Mtv Award a Lady Gaga?

Esse, facci sapè. E ricordati delle amiche.

(Ah, per la cronaca, ci abbiamo messo 200 post, che questo numero raggiungiamo oggi, per rintracciare uno spiraglio)

7 Risposte to “Flebili segni di frenata nel declino dell’Universo”

  1. Gimbo Dice:

    finalmente si è aperto un varco!!! volevo solo dire, con la pignoleria che mi contraddistingue, e con il grande amore per la lingua francese che mi colpì in tenera età, che si dice SUR, non sul. esattamente la stessa differenza che c’è tra il romanesco e l’italiano

  2. MeriPop Dice:

    Esse aveva correttamente scritto sur. Il ditino, trascrivendo, m’è scappato pure sur “sul”.

  3. Marilla Dice:

    Nonostante la pignoleria di Gimbo, con il quale, a questo punto, mi recherei solo chez Ipermarchè Carrefour, sospiro.
    Ma solo per il fatto che, pur vivendo, in un posto romantico, un momento sognante, si pensi ad un blog melanzana.
    Forse, Meri, stando a casa, ho risparmiato…

  4. Beerbohm Dice:

    Proporrei l’uso di una corretta chiave di lettura. Bisogna capire se il “romantico weekend” è con il marito (o fidanzato, o legittimo consorte) oppure con l’amante clandestino.

    Nel primo caso, a parte il paesaggio, come diceva il Grande Bardo “tutto il resto è noja”. Nel secondo caso se si perde tempo con un blog dire che o il vino è pessimo, o il compagno di avventure ha qualche problemino (essendo in Francia, la seconda che ho detto, direi).

    Insomma, farsi un romantico weekend con la moglie è come andare allo stadio per guardare la partita in differita. Bisogna solo sperare in qualche catastrofe ambientale o in un incidente automobilistico per vivacizzare la cosa, altrimenti sono guai.

    PS: Ma dove è questo posto? Conosco Roqueburne, conosco Saint-Martin vicino a Boulogne-sur-Mer, ma mi sfugge l’ibrido.

  5. Esse Dice:

    Cari amici,
    era per noia che mi é apparso in sogno il blog melanzana? Mah, non credo. Voglio rassicurarvi: il week end é stato supér, senza bisogno di catastrofi o incidenti -tié! . E per fortuna, aggiungo, visto che siamo ancora alle prime vacanze insieme…
    La chiave di lettura, credo, é semplicemente in quella che é diventata una piacevole abitudine: leggere le avventure di una nuova amica, scoperta attraverso i suoi post e quelli dei suoi più cari e pazzi amici. Storie, vicissitudini, parole che possono far sorridere anche quando si é a braccetto con la dolce metà: perchè il week end “de-merd” é sempre dietro l’angolo.

  6. Beerbohm Dice:

    Abbiamo capito. E’ nella fase delle prime vacanze insieme ed è giusto che il weekend sia super. E’ quella strana sindrome nella quale una persona che non vale nulla diventa tutto per te. Nessuna preoccupazione: basta aspettare alcuni mesi e si guarisce completamente.

  7. Esse Dice:

    Beerbohm, con tutto rispetto…tié! 😀

Lascia una Risposta

Copyleft SuperCaliFragili | Design by Riversman Entries RSS Comments RSS