Chiara e Francesco


Tags: , , , , , ,

Categoria: Fare   |    6 Comments »   |   

So che non è propriamente un post da blog sentimentale su tacco 12 e che rischio la blasfemia ma è pur vero che è difficile peggiorare la mia situazione e comunque credo di aver diritto anche io a una contestualizzazione.

Quindi volevo dirvi che in questo weekend del Grande Freddo siamo andati anche ad Assisi. Perché nonostante fossimo un discreto gruppo di irriducibili non praticanti difficilmente potevamo resistere al richiamo di Giotto. Senonché non resistiamo affatto anche al fascino di Francesco. Che, come dice il mio amico Elio, “non è che sia obbligatorio essere religiosi per lasciarsi conquistare da questi luoghi e da quest’uomo”: in effetti è sufficiente stare con le orecchie e il cuore aperti.

Senonché a me stavolta mi è venuto da pensare tanto anche a quella sua donna che si chiamava Chiara. Che su questi due ne sono stati versati di fiumi d’inchiostro e di lacrime, di musical e di film. Ma sotto a quella cripta, dove c’è la tomba di lui ma dove sono disseminate anche tracce della presenza di lei, io mi sono convinta definitivamente del fatto che mentre lui ha fatto follie dopo aver incontrato il Signore lei ha fatto follie dopo aver incontrato lui e poi sarà certamente successo che strada facendo lei ha incontrato pure il Signore ma non è per Lui maiuscolo che questa donna ha fatto tutto ciò che ha fatto: l’ha fatto per lui minuscolo.

E siccome quando una donna ama non ce n’è per nessuno alla fine è diventata pure quella caspita di Santa che è.

E ho cercato di immaginare cosa volesse dire dedicare tutta la vita ad un amore che non puoi più toccare. E rinunciare ad amare chiunque altro per seguire uno che hai avuto per un attimo ma che non potrà mai essere più tuo. E poterlo seguire solo da lontano. E poterlo rincontrare solo nel tuo cuore. E non potertici più specchiare negli occhi e ritrovare negli abbracci. E nonostante ciò dedicargli la vita, a un amore così. E trovarci gusto e significato, in quella vita. E mi è sembrata una follia. Ma una delle poche per le quali valesse la pena vivere. E morire.

E poi volevo ringraziarvi per aver fatto la guardia al bidone in questi giorni.

E siccome io, come vedete, me ne andavo in giro inseguendo non una libellula in un prato ma la storia d’amore non solo di questi due, ecco, volevo anche aggiungere che  mentre ero lì e cercavo le storie d’amore degli altri ho scoperto che…  Vabbè mo’ non è che la possiamo fare tanto lunga, magari questo ve lo racconto un’altra volta.

Insomma, appena vi capita, fatelo: prendetevi 7 amici veri e partiteci. Che l’amicizia fa un sacco bene. Anche all’amore.

6 Risposte to “Chiara e Francesco”

  1. antonella Dice:

    Sì. Le donne sì.
    Mi sei mancata Pop.

  2. MeriPop Dice:

    Anche tu. Perciò sono tornata.

  3. Frate Leone Dice:

    http://www.youtube.com/watch?v=D1vDig-eTTg

  4. Beerbohm Dice:

    “E siccome quando una donna ama non ce n’è per nessuno”

    Per questo nella vita ho sempre preferito – con scarso successo, devo ammettere – suscitare improvvisi e brevi appetiti sessuali piuttosto che grandi sentimenti.

  5. ragnè Dice:

    Ho avuto la stessa sensazione quest’estate, a la Verna.
    Francesco sicuramente è stato un grand’uomo, ma anche la si sentiva la presenza di Chiara.
    Poche persone forse sanno amare così. E concedimelo Meri, io credo che sia una capacità solo femminile.
    E si, ne vale la pena.

  6. paola Dice:

    Cia a tutti, so che vi darò una grande delusione ma la scrivo lo stesso: secondo Masolino D’Amico (lo storico) Chiara e Francesco non si sono mai conosciuti. Quando lui ha cambiato vita lei era una bambina piccola. Ci sono rimasta male pure io

Lascia una Risposta

Copyleft SuperCaliFragili | Design by Riversman Entries RSS Comments RSS