I migliori anni della nostra vita



Categoria: Di tutto un po'   |    7 Comments »   |   

Questa è un’invasione pacifica. Credo. Un’occupazione di suolo meripoppesco, nel giorno del tuo genetliaco. Con il solo ed unico scopo di farti commuovere, di farti spalancare occhi e bocca in quell’espressione da bimba stupita (non ho detto stupida, o, comunque, non oggi!!) che solo tu riesci ad assumere, e di farti anche piangere, perché, in fondo, siamo dei sentimentali, o meglio dei cinici-sentimentali

Sono stata eletta, a furor di popolo, (solo da tua sorella in realtà, ma tu sai come riesce ad essere convincente) ad aprire le danze, con questo cappello introduttivo.

A quale scopo? Oltre alle lacrime di cui sopra?

Non lo so.

Anzi lo so, ma la paura dei picchi iperglicemici, mi tarpa le dita.

Tu hai un dono Meri Pop. In verità più di uno. Ma ne hai soprattutto uno: hai saputo unire persone diversissime fra di loro, in una sola e unica pagina color melanzana. Hai permesso che persone sconosciute si fidassero una dell’altra, vomitassero affetti-sentimenti-paure-coraggio-ansie-amore-fastidi, assolutamente a ruota libera. Avendo te come garanzia delle loro parole.

E se questo a te pare poco…

Hai riempito mattine, sere, pomeriggi e notti, e anche quando sembrava che non avessimo nulla da dire tu hai saputo coinvolgere e trascinare verso parole mai dette.

Hai fatto pure incazzare, hai fatto chiudere pagine di schermo in modo brutale, hai fatto specchiare noi in te. E te in noi, purtroppo per te.

E ora, da scartare come baci perugina, i nostri auguri per te.

14 (e piu’) Risposte to “I migliori anni della nostra vita”

  1. Marilla Dice:La mia parte più intima

    Tu sei stata per me un gran dono dalla vita. Di quei doni inaspettati e per questo fantastici. Il pensiero ricorrente della giornata è: “Questo lo dico a Meri”. Credo riassuma tutto. E se ci aggiungo che sei la parte migliore di me, posso davvero andarmene.

    E oggi voglio dire a Meri:

    felice compleanno, mi rode non essere li con te

    Marina

  2. Manu Dice:

    Hai presente quelle persone che ti piacciono così, di botto? Tu mi piaci così, di botto. Non ho ancora avuto il piacere di vederti di persona, ma mi piaci, mi fai sorridere, riflettere, leggo le cose che scrivi e leggo passione per tutto ciò che fai. Ho conosciuto tua sorella, dopo esserci scontrate qualche tempo fa, galeotta una mela chiodata che ci divideva…. poi ho capito che mi piaceva tanto, tua sorella. Ho conosciuto quella sbaciucchiona di tua nipote, che conto di rapire per qualche giorno, portarla a casa mia e tenermela abbracciata stretta stretta…. insomma, quando avrò il piacere di conoscere anche te, splendida creatura? Intanto i miei più sentiti auguri, onorata di far parte di questa invasione pacifica.

    Buon compleanno!

    Manuela

  3. Princess Dice:

    Oh Meri…che bello partecipare a questa festa a sorpresa virtuale, sono pronta con palloncini, stelle filanti ed una torta immensa di quelle da dove tu (io purtroppo no per problemi di spazio!) puoi uscire fuori a misura intera!
    Venire a leggere i tuoi pensieri e le tue parole è un momento di evasione dalla realtà, che mi fa entrare in contatto con me stessa e conoscere vari aspetti di persone stupende, proprio come te!

    Quindi, cara Meri, quest’anno in più non si vedrà sul tuo viso, ma per me è un’occasione per farti sapere che fortuna ho avuto a incontrare te, il tuo angolo virtuale, la tua splendida famiglia e le tua amiche (va beh anche marina va!).

    E ora si dia inizio alla festa! Vai col trenino “pepepepepepe…zazuera zazuera…zazuera zazuera…aeiou ipselon”…AUGURIIIIIII!

    Alessia

  4. Rob May Dice:

    Ok, ok, già lo so che mi tocca provare ad abbassare la curva glicemica che la Biglia ha alzato sulle nostre teste manco fosse Mimì Ayuara. Ebbene io posso dire che Meri la conoscevo già da tanto eppure solo attraverso queste pagine si può dire l’abbia conosciuta veramente. Pazzesco no? Di solito si passa dalla conoscenza virtuale a quella reale invece è stato un po’ il contrario. Dunque il prossimo che parla male della rete e di fb, gli faccio l’esempio nostro. Quanto mi fa arrabbiare la Meri che troppe volte viene a farmi tana là dove io provo a passare il calcestruzzo, che apre dove io chiudo, che parla dove io taccio. E anche che piange dove io rido. E allora buon compleanno Meri, che io avrò anche la fortuna di farteli live questi auguri. (insomma un pezzo di torta lo scucio oppure no?)

    Baci grandi, tua profe.

    Roberta

  5. Professor Pi Dice:

    Gentile Meri Pop,

    come Ella ben sa ci sono molti modi di misurare una persona. I più banali sono il peso e l’altezza e, onestamente, se dovessimo limitare a questi soli parametri la Sua misura saremmo costretti ad arrivare a conclusioni insoddisfacenti.

    Fortunatamente ci sono strumenti più raffinati che possiamo usare ed uno di questi è il calore che una persona riesce ad emanare e a creare intorno a se.

    Sono felice di poterLe comunicare che esperimenti recentemente condotti sia in via informatica che in loco hanno dimostrato che per quanto La riguarda non solo questo valore è alto, altissimo, superiore a tacco 12, ma anche in continua ascesa.

    Mi preme, quindi augurarLe, in questo giorno, lunga e serena vita.

    Il Suo,

    Professor Pi

    Pietro

  6. Pres & FirstLady Dice:

    C’era una volta…

    -T. era felice.

    -T. credeva di esserlo!!

    -T. faceva tutto quello che faceva perchè ormai la sua vita era impostata in quella direzione.

    -T. tutto ad un tratto l’ha travolta un tir in discesa senza freni…

    -T. non è più felice.

    -T. non la risolleva nemmeno una gru.

    -T. non sa che pesci pigliare.

    -T. incosciente clicca “prenota”.

    -T. si ritrova centrifugata dentro ad un ciclo di lavaggio che non aveva mai provato.

    -T. viene lavata, stirata e tirata a lustro da tutti quelli che incontra a partire da quel momento.

    -T. ritrova un’autostima ed una fiducia in se stessa di cui non sapeva nemmeno l’esistenza.

    -T. scopre la MeriPop che è in lei.

    -MeriPop scopre che un atteggiamento positivo e aperto, ti porta a vivere momenti unici e a conoscere tante nuove belle persone.

    -MeriPop è di nuovo felice.

    -MeriPop ritrova un presente da vivere, speranza e fiducia nel futuro.

    -MeriPop è la pallina che scorre sul piano inclinato: inarrestabile, coinvolgente e travolgente.

    -MeriPop aveva perso 1 amore, ma ora ne ha trovati tanti altri, e sono tutti gli amici che oggi le dedicano un pensiero in questo post.

    – Meri Pop è oggi, per Pres e First Lady, un’Amica che scalda il cuore.

    Tanti Auguri di Buon Compleanno ad una persona speciale, che non sapeva nemmeno di esserlo…

    First Lady & Pres

    Anno domini – I d.M.P (leggasi primo dopo Meri Pop)

    Elisa & Daniele

  7. Ragnettola Dice:

    oddio sono in ritardo, stasera c’è la festa a sorpresa di MeriPop.. Cosa mi metto? Li ci andranno sicuramente persone eleganti, che parlano difficili, e sorridono molto. Magari pure qualche ometto interessante. Certo, la star è la Meri, ma pure noi invitate ci dobbiamo far carine no? Tacco 12, sicuro, e quasi quasi mi infilo quelle rosa, che le erano piaciute tanto quella volta a casa della Marilla, se le era pure provate… e un bel top, che fa sempre sera! Penso che nel frattempo pure lei se lo sia comprato, un bel top da serata importante, come quella volta che doveva uscire per quell’aperitivo, e chiedeva consigli!!

    E poi, mi metto un bel sorriso, come quello che ha lei.. Un sorriso con gli occhi che brillano, perchè si sa, sorridere con la bocca è facile, ma con gli occhi tutto diventa più complicato.

    E tutta pronta e apparecchiata, arriverò alla sua festa, e le dirò quanta compagnia mi sta facendo in questi mesi, le dirò grazie, per aver ascoltato i miei pensieri, le dirò grazie per i suoi consigli, e per la sua faccia stupita durante le chiacchiere davanti alla cena preparata da Marilla…

    E le dirò pure che le voglio tanto bene, e che spero che sia un compleanno felice e pieno d’amore…

  8. Valerimba Dice:Quando un’amica ti dice…ti faccio conoscere mia sorella, cara MeriPop è d’obbligo rispondere con un sorriso di circostanza e dire: “Sarà un piacere”, mentre pensi: “Ma che mi importa a me di tua sorella?” Sapevo anche che eri magrina come un’acciuga, il che, tanto per non essere razzisti, mi predispone maluccio.Poi, poi mi trovo di fronte Te: una voce bassa, misurata anche se calda, che non ha paura di esprimere le proprie esperienze e la propria vita: Mi racconti con due occhi che commentano e rivelano ogni sfumatura non detta, frammenti di Te, e lo fai in modo onesto e lo fai in modo aperto e lo fai in modo che mi fa pensare “Ecco..una Donna”Non è così scontato piccola Meri credimi, trovarne.

    I miei auguri sono di continuare a essere così, coraggiosa,come tutte le Donne che hanno il coraggio di osare: di ribaltare la propria vita, di scardinarne le basi imposte da famiglia e ambiente, di partire per l’Africa alla ventura, di venire a conoscere una flotta di estranee, già compattate da conoscenze assodate, di farsi tagliare i capelli da una ragazzina squinternata e dark.

    Auguri MeriPop. Tu e il tuo scintillante caschetto avete tutta la strada davanti.

  9. Mena a Brea Dice:

    Irrompere nel Blog di Meri per farle gli auguri… cosa splendida!

    Era mia intenzione fare un intervento tutt’altro che serio, come al solito, ma questa volta mi risulta proprio impossibile!

    Ora non strabuzzare gli occhi Meri, a volte capita anche ai migliori!!!!

    Se dovessi fare gli auguri per ogni Meri che si scopre giorno dopo giorno, riempirei il blog per almeno un anno, eppure la conosco solo da sei mesi.

    Ma visto che anche fare gli auguri è per me cosa inusuale, voglio ringraziarla! Ringraziarla perché è un punto di riferimento per tanto e per tanti, incluso me, perché nel parlare con lei (anche di cose serie e gravose) è difficile non sorridere, perché mi ha fatto riscoprire la bellezza del conoscere il prossimo, perché ho scoperto una persona meravigliosa, perché i nostri aperitivi (che ultimamente sembrano delle strade africane, visto le buche che ci diamo l’un l’altro) sono pillole di ottimismo e gioia, e infine, perchè mi sopporta…e vi pare poco???

    Ok Meri, dopo questa la menabrea me la offri?

    Fabio

  10. Sunny Dice:

    Grazie Sister.

    Perché quando sono arrivata tu eri lì ad aspettarmi.

    Perché gli inizi non sono stati facili.

    Perché magari me lo meritavo lo spazzettino del bagno sulla testa.

    Perché ci siamo unite nonostante tutto e nonostante tutti.

    Perché é importante essere in due.

    Perché é bello volerti bene.

    Perché é bello il tuo affetto.

    Perché é importante sapere che ci sei.

    Perché é importante specchiarmi nella tua anima.

    Perché, nonostante tanti stop & go, siamo sempre ripartite.

    Insieme.

    Perché per fortuna ci sei sempre stata.

    Perché per te ci sono sempre stata.

    Perché sei casa.

    Perché sei la zia speciale.

    Perché sei un porto sicuro per grandi e piccini.

    Perché sei coraggiosa.

    Perché hai brevettato il trasloco in metropolitana.

    Perché sei uno scricciolo con la forza di una leonessa.

    Perché hai parole magiche.

    Perché com’é profondo Amare.

    Perché sei saggiamente ironica.

    Perché sei, semplicemente sei.

    Perché sei MeriPop.

    Ti auguro un mondo d’Amore.

    Paola

  11. Valentino D’Addario Dice:

    In uno sperduto e bellissimo paesino sulle montagne, l’estate meripoppa si ritrovava, tra le pecore e le mucche, anche a giocare con bimbi che sarebbero cresciuti con lei. Passa un’estate, ne passa un’altra e un’altra ancora.. e meripoppa sempre lì, con le sue biciclette, a scorazzare per il paesino insieme ai suoi amichetti (e amichette): e vai alla stazione, e vai al lago, e vai all’eremo, e vai alla pineta… non c’era luogo che meripoppa lasciasse in pace. Paoletta, ovviamente vigilava e faceva pure un casino micidiale.

    Noi, poveri amichetti di complemento, aspettavamo l’estate consapevoli delle fatiche che l’arrivo (dalla capitale!) di meripoppa & paoletta ci avrebbe riservato.

    Ma era bello: eravamo felici e non lo sapevamo.

    Ora, ad essere sinceri, nessuno di noi, cara meripoppa, avrebbe scommesso una lira che paoletta, per dire, avrebbe mai distinto un’imposta da una tassa, un conto economico da uno stato patrimoniale. ne che tu, proprio tu, cara tizzy, ti mettessi a scrivere, addirittura, libri, dispense, opuscoli e perfino blog… (sopravvolo sul sottoscritto per esercizio di pietade…). No, noi a quei tempi sognavamo cose semplici: una passeggiata notturna “fino alla pineta”, un bacio rubato, il cazzeggio assoluto “alla villa”. Poi per tutti tutto è rientrato nella bruta normalità: studi, lavori, famiglie, tempo che passa. anni. molti anni. Epperò si, ci siamo pure persi: ma ci siamo ritrovati. e se ci riperderemo fa nulla, restano intatte le radici. Ho un amico vero che mi dice sempre: “Non m’importa dove sei, so che da qualche parte spunterai. O lo farò io.”

    Ecco, maripoppa, tanti auguri dall’amico vero. Spuntato dal codice binario che ti fa leggere queste righe…

    Valentino

  12. Antonella Dice:Cara la mia acciughetta,mi immagino vicino a te, in un bel posticino a bere cioccolata calda e vederti scartare il pacchettino.
    Siamo tutte intente a chiacchierare e ridacchiare tra noi, quando dall’alto scende Marilla con due ali viola e verdi che canta “I will survive”.

    E capiamo che è finito il nostro momento ma è proprio lì la festa!

    Con tanto affetto.

    Buon compleanno amica mia.

    Antonella.

    I will survive

  13. Patù Dice:

    A Meripop mi unisce un cappello rosso, una scalinata e i cessi di molti partiti d’Italia. Da Meripop mi divide il coraggio di stravolgere la propria vita con leggerezza, qualche piatto rotto e la classe inimitabile nel mettere a ferro e fuoco le curie del Paese. Tante volte mi sono chiesta di che materia fosse fatta veramente Meripop, perchè mi pare chiaro che non può essere umana. Dopo averla vista trangugiare lacrime e risate e rinascere ogni volta sempre meglio, sono arrivata alla conclusione che in realtà non esiste. Non può esistere un essere così. A te che non esisti ma che riesci ad esserci così tanto in tutti noi: auguri di cuore.

    Daniela

  14. Gimbo Dice:

    Messaggio di auguri per meri (in terzine):

    cara meri,

    chi ti trova

    trova un tesoro

    besos, gimbo

    Gianmarco

7 Risposte to “I migliori anni della nostra vita”

  1. Sunny Dice:

    Un GRAZIE speciale a Ramon. Ramon Bond!

  2. Valerimba Dice:


    è il compleanno di meripoppaaaaaaaaaaaa
    festaaaaaaaaaa


    se non vengono le immagini me faccio un figurino da niente me faccio 🙂

    ndr: saranno state queste le immagini immaginate?

  3. Valerimba Dice:

    ecco…..non sono venute…ahahhahah

    ndr: questo e quello di prima sono commenti commentati dopo.

  4. Gimbo Dice:

    vale, non è meglio commentare durante e realizzare immagini?

  5. Thumper Dice:

    … mi viene da ridere se penso che c’è ancora chi non crede alle potenzialità delle relazioni in rete…

    (Gilioli, che mi ha permesso di conoscerti, qui: http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2010/10/02/la-bestemmia-cicchitto-e-la-maestra-maria/)

    Buon compleanno anche da qui :*

  6. Valerimba Dice:

    sò venute gimbo!!!

  7. SuperCaliFragili Dice:

    […] fate come se foste a casa vostra che infatti ve la siete già presa da un pezzo. Non fate schiamazzi e piano con l’alcol al Meri’s […]

Lascia una Risposta

Copyleft SuperCaliFragili | Design by Riversman Entries RSS Comments RSS