Il doppio Enigma di Ann



Categoria: donne toste, ricordare   |    No Comments   |   

Non ha avuto la movimentata vita di Alan Turing, Ann Mitchell, ma soprattutto è stata una matematicadonna troppo presto. E dunque nella saga di Enigma il suo nome non spunta come quello di Turing. Spunta tra le Bletchey Girls, che contribuirono a decriptare i codici nazisti. Girls, appunto. Nonostante fossero matematiche e scienziate anch’esse. Ma se sei donna ecco che al massimo passi alla storia come Girl.

Ann Mitchell portata via da un altro enigma chiamato Covid, notizia che oggi mi ha segnalato il mio amico Pino accompagnandola con il messaggio niente affatto enigmatico “pane per i tuoi denti”.

Nasce a a Oxford nel 1922. “La mia direttrice disse con fermezza ai miei genitori che la matematica non era una materia femminile”, dirà. Ma lei insiste e nel 1940 è una delle sole cinque donne accettate alla facoltà di Matematica all’Università di Oxford. Fino agli anni ’70 nasconde a tutti, anche al marito, il proprio passato a Bletchley Park nel gruppo di matematici che, sotto la guida di Alan Turing decifrò i messaggi in codice delle milizie naziste. Ann aveva infatti firmato un atto ufficiale di segretezza e solo nel 2008 le verrà riconosciuto il merito di aver aiutato a decifrare Enigma.

Lei, low profile tutta la vita, dirà che in realtà, quando firmò, non sapeva neanche lei cosa stesse accettando.

James Turing, pronipote di Alan, “ha sottolineato che i diari di Ann Mitchell nonché la poca documentazione che è rimasta sulle attività di Bletchley mostrano che le mansioni di Ann e le sue esperienze durante la guerra furono molto simili a quelle del prozio”.

“Molto simili” non è evidentemente mai bastato, però, a darle il giusto riconoscimento. Lei, per altro, ne ha fatto tranquillamente  meno. E ha chiuso la sua carriera con grande nonchalance occupandosi di altri tipi di sistemi binari, consulente di matrimoni e divorzi.

“È stato come uno scherzo -disse- verso la fine della mia vita, crescere improvvisamente di importanza, passare dall’essere nessuno a qualcuno”. Ann Mitchell, quel Nessuno che aiutò il mondo a salvarsi.

 

Lascia una Risposta

Copyleft SuperCaliFragili | Design by Riversman Entries RSS Comments RSS