Nilde Iotti, quanto ci sei, quanto ci manchi



Categoria: Di tutto un po'   |    No Comments   |   

Vi ho viste e visti, sa, ieri sera incollati davanti a Rai1 con gli occhi che ogni tanto trattenevano i lucciconi. Vi ho viste e visti al cospetto di Nilde Iotti, seguirla mentre scalava con fatica ma anche con determinazione le montagne del diritto di una donna di far parte della vita del partito, del Paese, del cuore.

Lei, la prima donna -e pure comunista- a ricoprire una delle tre più alte cariche dello Stato, venne eletta nel 1979. Fu Presidente della Camera per tre legislature e nessuna l’ha ancora eguagliata, non solo in durata.

Ma Leonile Iotti detta Nilde è stata anche partigiana, staffetta, combattente, ha fatto parte del primo nucleo di politici che ha preparato il Parlamento Europeo e soprattutto è stata una donna che, nonostante i ruoli pubblici, non ha rinunciato all’amore nel privato (e l’ha pagato a caro prezzo, quell’amore, confinata in una soffitta). Nilde Iotti che a quell’amore impossibile in tempi bacchettoni scrive “… Ti amerò sempre come ti ho amato dal primo giorno, come ti amo oggi” ma allo stesso tempo aggiunge “Nella mia vita potrei accettare di tutto, salvo che di non lavorare, di non essere me stessa”. Con quell’amore illegittimo adottò anche una figliola.

Il film la segue parallelamente alla vita di una bimba che assiste all’attentato a Togliatti e che crescerà seguendo la scia luminosa del suo impegno e del suo sguardo diventando poi giornalista. E ieri sera c’è stata anche chi, nei filmati di repertorio, si è riconosciuta giovane e piena di speranze accanto a lei mentre Nilde saliva e scendeva sull’altrui scale della Sapienza.

Nilde Iotti, lo sguardo più sereno e indomito della Repubblica. Quello sguardo e quella determinazione con i quali terrà testa a tutti i leader di Pci e Dc aiutando il cammino delle donne e del Paese, comprese le battaglia di divorzio e aborto. Quando il 20 giugno del 1979 per la prima volta sale sullo scranno più alto della Camera questo, tra l’altro, dice:

“Io stessa – non ve lo nascondo – vivo quasi in modo emblematico questo momento, avvertendo in esso un significato profondo, che supera la mia persona e investe milioni di donne che attraverso lotte faticose, pazienti e tenaci si sono aperte la strada verso la loro emancipazione. Essere stata una di loro e aver speso tanta parte del mio impegno di lavoro per il loro riscatto, per l’affermazione di una loro pari responsabilità sociale e umana, costituisce e costituirà sempre un motivo di orgoglio della mia vita”.

Rinunciò a tutti gli incarichi per motivi di salute il 18 novembre 1999. La sua lettera fu accolta alla Camera con un grandissimo applauso. Morì pochi giorni dopo, il 4 dicembre.

Nilde Iotti: ragione e sentimento. Ma soprattutto il fascino dell’intelligenza.
Ricordiamole, ricordiamole sempre, le persone capaci. Quelle delle quali nessuno ha avuto bisogno di notare o sottolineare più di tanto che fossero donne: erano, semplicemente, le persone migliori in quei posti.

E ieri sera, sui titoli di coda, un solo pensiero e un brivido mi hanno attraversata: dove saremmo, oggi, se lei ieri si fosse arresa?

 

Lascia una Risposta

Copyleft SuperCaliFragili | Design by Riversman Entries RSS Comments RSS