El condor pasa. Nosostros no


Tags: , , , , , , , , , ,

Categoria: Galapagos   |    1 Comment »   |   

Galapagos 1

‘Sta storia che “Meripo’ stavolta stai tranquilla che il viaggio alle Galapagos è tutto relax”, per quanto l’estimabile Nicki Sventola che l’ha fatto l’anno scorso sia donna di comprovata attendibilità, non mi aveva convinta fino in fondo. Diciamo che l’esperanza de escampar è durata fino a Madrid. Tre ore. Quando, fatta la tratta Fiumicino-Barajas, al varco della Policia el grupo che partiva da Roma veniva bloccato porquè no tienes la tarjeta de embarque del avion.

Inutile spiegare che la caspita di signorina Iberia di Roma aveva detto

-El ordenador sta scassado, no se preocupe che a Madrid non c’è problema anche se non avete la carta d’imbarco

La risposta di Madrid non si faceva attendere, contenuta nel vocione di una irremovibil poliziotta

-Col cavolo che passate senza la tarjeta

-Ma guardi che i nostri colleghi di Milano sono passati…
tentava di rilancio Pi con iniziale calma che però si vedeva che se stava scassando i cabasisi peggio del computador Iberia

-No se puede no se puede
insisteva quella

Era a quel punto che Carlo sfoderava il suo sorriso magico e tirava giù un fluentissimo spagnolo, Pi invece tutto il calendario dei Santi minori con incursioni in quelli ancora da beatificare.

Nada. Nada de nada

Intanto i minuti e le mezz’ore passavano. Con imbarco previsto alle 16,30 noi alle 16,10 stavamo ancora bloccati lì quando Pi, furente como el toro en la corrida, chiamava sul cellulare “Paola Darwin” del gruppo Milano, che gli assidui del quippresente blogghe ricorderanno per la partecipazione al viaggio nella Laustralia, e le tuonava

-Paola, por favor, voi che siete già all’imbarco fatevi fare hodeste cazz(omissis) de tarjete lì e portateceleqquà sennò estallo un casino che altro che la computadora di questi bischeri

Costì, alle 16,20 se presentiava dalla Policia la senorita dell’AirEcuadora con le tarjetes en bocca -davanti a tutto un consesso de poliziotti che intanto si erano radunati attorno al gruppo Roma- e ci faceva passare il caspita di posto di controllo mentre Pi, che ancora faceva florilegio di sconosciute imprecazioni di rito fiorentino, ne aggiungeva inedite altre di rito spagnolo

Y ahora el Pi que se alza en la lucha con voz de gigante gritando: Adelante! gritava pure

-VAMOS, CORREMOS che perdiamo il caz(omissis) di aereo

tipo una riedizione Intillimana di DE PIE MARCHAR QUE VAMOS A TRIUNFAR ma muy encazada

E aricostì, alle 16,31, stremati, sudati, in apnea, con la lingua di fuori e lanciando i bagagli a mano e le cazzarola de tarjete oltre el varco dell’embarco, salivamo per ultimi e al volo sul volo.

Condor delle Ande

El condor delle Ande

No ma poi a Nicki Sventola dos palabras gliele dico io eh.

Una Risposta to “El condor pasa. Nosostros no”

  1. SuperCaliFragili » Blog Archive » Giù il cappello Dice:

    […] la frullata di 3+15 ore di aereo, preso nelle condizioni che sapete, si atterrava in quel di Guayaquil ne seguiva un’altra  notturna per la passeggiata al […]

Lascia una Risposta

Copyleft SuperCaliFragili | Design by Riversman Entries RSS Comments RSS