L’Albina di un giorno nuovo


Tags: , , , , , ,

Categoria: donne toste   |    No Comments   |   

Stai lì basita davanti al tg nella giornata in cui quella parte di noi, poca o tanta che sia, chiamata umanità è stata azzoppata. Cerchi invano un appiglio, un gancio non dico in mezzo al cielo ma almeno in mezzo al telegiornale. Niente. Finché a un certo punto, al tg2 delle 13, compare Albina. Albina Molinari, contadina del canavese, 76 anni.

Albina è una sorta di mondina matrimoniale: armata di scopa e paletta, si palesa sul sagrato ogni volta che finisce un matrimonio, nel senso non in tribunale ma in Chiesa e raccoglie tutto il riso augurale per riciclarlo a galline e affini.

-In un giorno, con tre matrimoni, faccio anche cinque chili

dice mentre continua a spazzare incurante della telecamera. Asciutta, impettita, viso disegnato dalle rughe e dal sole.

Ad ogni matrimonio Albina c’è. Ora la invitano anche alla funzione. Poi, mentre gli altri si stropicciano gli sposi, lei tira fuori scopa e paletta.

Albina Molinari. Che ci restituisce per un attimo quell’angolo di fiducia. Albina. Che non sfigurerebbe ne I giusti di Borges:

Un uomo che coltiva il suo giardino, come voleva Voltaire.
Chi è contento che sulla terra esista la musica.
Chi scopre con piacere una etimologia.
Due impiegati che in un caffè del sud giocano in silenzio agli scacchi.
Il ceramista che premedita un colore e una forma.
Il tipografo che compone bene questa pagina che forse non gli piace.
Una donna e un uomo che leggono le terzine finali di un certo canto.
Chi accarezza un animale addormentato.
Chi giustifica o vuole giustificare un male che gli hanno fatto.
Chi è contento che sulla terra ci sia Stevenson.
Chi preferisce che abbiano ragione gli altri.
Tali persone, che si ignorano, stanno salvando il mondo.

 Albina

Lascia una Risposta

Copyleft SuperCaliFragili | Design by Riversman Entries RSS Comments RSS