Viva l’Italia


Tags: , ,

Categoria: ricordare, Rievoluzione   |    2 Comments »   |   

Le storie le porta il vento e le fa atterrare dove vuole. A volte anche in un autobus. Quello pieno pieno del rientro la sera che fra due minuti è quasi casa, quello che anche se ne passano dieci di seguito vuoto non è mai. E nel caos generale delle proteste a un certo punto sento una voce dietro di me. Piena, matura, un po’ roca. Non riesco neanche a muovermi quando lui racconta alla signora che gli è seduta accanto

-E insomma signoramia io quest’anno ho fatto settant’anni di matrimonio. Settanta. Perché io, signoramia, me so’ sposato nel ’45. Il Quarantacinque. Quel Quarantacinque lì.

Pausa. Cerco di girarmi ed effettivamente l’età per averlo fatto sul serio ce l’ha. Poi riprende

-Ci siamo sposati il 16 d’agosto del Quarantacinque, io con la divisa da partigiano e Santina con un vestito… un vestito fatto con la tela di un paracadute. Settant’anni. E stamo ancora qua. E mo’ però devo scende

Mi giro di scatto, lo vorrei fermare e chiedergli ancora di lui, di Santina e di sta tela del paracadute e soprattutto di com’era la divisa da partigiano. E invece le porte si aprono e lui pluf scompare nel formicaio di piazza Venezia. Ironia della sorte, sotto quel balcone.

Ed è da ieri che ci penso. E mi rivedo questo film in bianco e nero di un’Italia bella e coraggiosa. E mi viene proprio da dirlo: viva l’Italia, l’Italia liberata, l’Italia che non dispera e l’Italia che si innamora.

Signora Santina, ovunque lei sia, spero abbia conservato quel vestito. E quel paracadute. Che ci ha salvati fino a qui.

matrimonio 1945

Foto da centropoliscastelbuono, Sposi Sarrica-Palumbo 1945

2 Risposte to “Viva l’Italia”

  1. Franka Dice:

    (fai la dura, ma sotto sotto sei un’inguaribile romantica)

  2. MeriPop Dice:

    Frà, sovvecchia

Lascia una Risposta

Copyleft SuperCaliFragili | Design by Riversman Entries RSS Comments RSS