Nino


Tags: ,

Categoria: ricordare   |    No Comments   |   

Ogni ufficio, gruppo o consesso di persone che lavorano insieme dovrebbe averne uno. Un Nino. Nino è quella persona discreta, schiva ed efficiente della quale, se si è un discreto numero, potresti anche non accorgerti per anni. Ma della quale non puoi fare a meno anche se non lo sai. Un Nino è la persona che, se si è in tanti, presumibilmente puoi frequentare di più in ascensore. Ed è lì che apprezzerai il fatto che non parla né del tempo né di altre amenità: se non ha qualcosa da dire tace. Ma, sempre, ti sorride. Se sei donna ti cede il passo. Nino è quello che tiene la mano sulla cellula per evitare un prematuro stritolamento.

Con me, per dire, entrando nell’angusta cabina dotata di un tristanzuolo specchio, essendosi lui posizionato di fronte a me e io davanti allo specchio, si spostava e diceva “Mi sposto, che voi avete sempre qualcosa da controllare”.

Un Nino ti segue e ti conosce più di quanto tu possa dire di conoscere lui. Un Nino, in qualche modo, ti “capta”. E quando lo incontri sai che ti sa. E, nella maggior parte dei casi, non c’è molto da aggiungere.

Un Nino, in definitiva, c’è sempre. Anche quando sei tu per una volta a captare che sul suo fisico qualcosa sta cambiando.

Ed è proprio per questo che quando è arrivato l’sms io mi son detta che è impossibile. Perché sull’sms c’era scritto “Nino se n’è andato poco fa”. E ho pensato solo una cosa: “Poi torna”.

Ascensore

Lascia una Risposta

Copyleft SuperCaliFragili | Design by Riversman Entries RSS Comments RSS