La vita è mo’


Tags: , , , , ,

Categoria: Musicalifragili   |    7 Comments »   |   

Più che durante l’udienza di divorzio la vera tempra del primate definitivamente separato emerge durante il primo weekend dopo l’udienza. Perché è lì, in quello spazio recintato tra il sabato mattina e la domenica sera, il primo da stato civile Libera, che si esprime tutta la potenza dell’ “E mo’?”.

Che anche questo va detto: dopo un definitivo No si affaccia sempre, da qualche parte, il momento dell’E mo’? E’ come se tutti i file archiviati nel “poi, dopo” si rianimassero in contemporanea dicendo “aò, dopo è mo”.

Che non è esattamente un adesso, come baglionescamente è agli atti della storia della canzone italiana. E che poi anche questo va confessato: dopo intensive ripetizioni e innamoramenti folgoranti di Bruce e di Freddie, di Springsteen e Queen, di Pink Floyd e quant’altro, poi esci dal tribunale e ti aggredisce a tradimento Baglioni, che “ti domandi adesso chi sei tu” “che spingi avanti il cuore”, ma prima di tutto l’avvocato.  E che “sei tu nel tempo che ci fai più grandi e soli in mezzo al mondo” pure “con l’ansia di cercare insieme un bene più profondo”.

E insomma è un po’ come se là, dentro ai polverosi faldoni della giustizia civile, fossero stati definitivamente archiviati anche tutti gli alibi.

Dunque la vita è mo’. E tu hai tutto un intero weekend libero da riempire di sti mo’. E’ così che parte la convocazione ai rinforzi: le amiche, il Settimo Cavalleggeri dell’ “E mo’?”. Perché nessun tomo di autoaiuto e nemmeno le 503 pagine di Donne che corrono coi lupi possono eguagliare la chiarezza di idee che proviene dallo stare fermissima un’ora con Dani, per dire, davanti a una biretta. Nè Robin Norwood e il bodyscanner delle Donne che amano troppo potrà mai competere con la presa in ostaggio di Patrì davanti a un pollo arrosto di domenica a pranzo.

E al “non lasciare andare un giorno per ritrovar te stesso” meglio impiegarne due di seguito a ritrovare loro. Che sareste pure voi. Cioè l’oro.

Infine consegnerei alla storia -ivi condensando tutti gli sms, le ore al telefono, i messaggini sui socialcosi e i regalini e le supercalifragilistichespiralidose cose che vi siete inventati in questo e nei precedenti weekend comprensivi delle molteplici cazzate che pure con voi ho fatto e per le quali sono stata da voi graziata, specie da uno-  dicevo vi consegno il fatto che alla fine di una giornata di sfinimento chiacchiere, andando via da casa sua, Patrì è tornata indietro, ha aperto il freezer e mi ha detto

-Meripo’ ti piacciono gli hamburger?

-Si perché?

-Beh visto che non ti piace cucinare almeno fai questo arrosto stasera, è facile, ce la puoi fare

con ciò infilandomi nella borsa un pluriavvolto hamburger biologico doc ghiacciato

Ed è così che arrivata a casa ed eseguite tutte le operazioni di cottura, salato, insaporitolo con le erbette provenzali, sfumatolo col vino francese, mi godevo quella deliziosa vista della crosticina sopra e sotto in mezzo alla quale sarebbe sgorgato il buon sughino. E una volta messolo nel piatto con una pioggerella di insalatina stare lì per inforcarlo dicendo

-oh, certo mi dispiace rovinare questa crosticina

e poi accorgersi che si, l’avevo cotto con i dischetti di plastica sopra e sotto

7 Risposte to “La vita è mo’”

  1. Rita Dice:

    dopo giorni di silenzio causa lutto fine reports Iran, mi vedo “costretta” a scrivere un commento a seguito lettura resoconti su di un certo definitivo divorzio.
    per quanto poco ne abbiamo parlato in viaggio e per quanto poco abbia avuto poco tempo per approfondire la nostra conoscenza…………
    al mò c’eri già arrivata da mò appunto.
    e’ sempre un passaggio a nord ovest, ma tu sei diventata viaggiatrice esperta!e con le amiche che ti ritrovi……………
    un abbraccio affettuoso e un in bocca al lupo a noi donne. è una lotta continua, ma vinciamo spesso!

  2. MeriPop Dice:

    che poi a me è un viaggio, che all’inizio mi ha salvata: condannando voi! Grazie Rita, davvero. Comunque ora il viaggio più impellente è con un Frecciarossa verso l’Osteria del sole: preparati.

  3. Franka® Dice:

    http://www.youtube.com/watch?v=PNCpF4K–Fs&feature=youtu.be&t=16s

  4. Rita Dice:

    noooooooooo, davvero vieni a bologna???????? wow! dimmi tutto……….

  5. MeriPop Dice:

    essì, devo anche salire a conoscere il nipotino cubano, nel senso degli amici bolognesi ma conosciuti a Cuba (mai percorsi piani: per altro attèttihoincontrata in Iran)!

  6. O'Femmenone Dice:

    Cara MeriPop, possiamo dire che la tua autenticità è anche suffragata da un quadro che ho visto in merito alle tue capacità culinarie e non ! Ti adoro. Non potrebbe essere altrimenti. Coraggio, la prossima volta andrà meglio perche’ toglierai la pellicola !

  7. Rita Dice:

    allora attendo veramente qualche notizia in più su quando e quanto. sarai la benvenuta! e se ti fermi la mia Lilliput casa è a tua disposizione

Lascia una Risposta

Copyleft SuperCaliFragili | Design by Riversman Entries RSS Comments RSS