Se telefonante. Galateo del “giorno dopo”


Tags: , , ,

Categoria: Santocielo   |    9 Comments »   |   

Al termine di un tanto illuminante quanto alcolico giro di aperitivi con una eterogenea platea di amiche molto ben messe e cervellomunite, si scopre che pur essendo l’uomo riuscito a mettere con successo il piede sulla luna, la mano nella sequenza del genoma umano, la manata sul sedere e il naso negli imperscrutabili misteri della clonazione, lo stesso uomo ancora stenta a mettere un dito sul telefono “il giorno dopo”. A fronte di linee intasate la sera prima.

Ritengo quindi doveroso ricordare qualche elementare regola non di corteggiamento ma di semplice buona educazione. Scusate se ci atterremo solo ai fondamentali ma, nel file “dimenticabili”, il desaparecido del giorno dopo almeno qui ce lo siamo risparmiato.

Allora, uomini, “il giorno dopo” si telefona. A meno che non siate vittima di una paresi bilaterale da esondazione emotiva (plausibile ma statisticamente molto bassa come eventualità), si prende quel cazzo di il cellulare con il quale vi siete atrofizzati il dito “prima”, lanciandovi in una serie di lusinghe, battute, adescamenti, trattative, e si compone quello che presumibilmente è uno degli ultimi numeri in memoria – che dovrebbe apparirvi di norma con orario notturno – si fa squillare e si dice “Ciao, buongiorno, grazie, è stato bello, volevo dirtelo”.

Otto parole. Otto micragnose parole che però vi saranno sufficienti a passare il guado degli stronzi ingrati per approdare nella terra promessa dei “riconoscenti e indimenticabili”.

Volendo esagerare piazzatene anche nove, parole: aggiungete l’accrescitivo, “molto” a “bello” e con una scarna parola di cinque lettere ne uscirete come statisti.

E’ giusto il caso di ricordare che non ha nessuna importanza la valutazione tecnico-ginnica della performance: si ringrazia e basta, come si fa il giorno dopo un invito a cena. Non è che perchè l’arrosto era un po’ secco e il vino bianco tiepido voi la mattina dopo vi rendete irreperibili con la padrona di casa: di norma chiamate e ringraziate e anzi vi complimentate. (Eh? No, non ditemi che avete accordato il monopolio della serata a uno che neanche ringrazia quando lo invitano a cena, vi prego almeno questo no).

Dunque, dicevo, si telefona. Tutt’al più, ma siamo davvero al minimo sindacale e a meno che non siate -beh avete capito chi- non credo che la mattina dopo vi possiate permettere il minimo sindacale, ecco dicevo eventualmente si manda un sms molto affettuoso. Ma molto.

No, non mi sembravate timidi, ieri sera. Quindi non vedo cosa possa essere sopraggiunto per annullare il vostro spirito di iniziativa e intraprendenza. (Ora no, non mi dite che avete lasciato campo libero a uno con il trauma del dito che neanche riesce a compulsare un basilare “Grazie virgola tesoro punto è stato bellissimo punto”, che siamo ai fondamentali dell’alfabeto morse eh, mica si pretende che scioriniate la Divina a memoria, essantocielo).

Arrivati a questo punto dovrebbe essere tutto molto chiaro: appuntamento, serata, telefonata il giorno dopo possibilmente entro l’ora di pranzo.

Evitateci, insomma, di dovervi sottoporre -oltre al solito screening di base per il quale, credeteci, già abbiamo dovuto rivedere al ribasso le aspettative di partenza- anche all’umiliante “presentarsi solo se telefonante”.

9 Risposte to “Se telefonante. Galateo del “giorno dopo””

  1. EffeGreenhouse Dice:

    sull’sms non sono d’accorso. Si telefona punto. poi c’è sempre tempo per dileguarsi.
    Si telefona perchè se non lo si fa non è tanto da stronzi quanto da idioti perchè è impossibile, anche per il più accanito Casanova, che il “giorno dopo” il pensiero non vada lì, alla sera prima, anche solo per una manciata di minuti…

  2. MeriPop Dice:

    purtroppo qui siamo all’emergenza e quindi ho dovuto stilare una piattaforma minima sindacale.

  3. Beerbohm Dice:

    Post coitum omne animal triste est.

  4. Encrenoire Dice:

    la telefonata io l’ho ricevuta, ma a me è stato detto “mi raccomando, altri due entro due mesi”… ma questo non fa testo XD

  5. MeriPop Dice:

    Encrenoire, una tragedia ovunque. Questi continuano a non inviare sms alle partner ma in compenso le signore stanno inviando a me gli sms ricevuti. Agghiacciante.

  6. beerbohm Dice:

    Meripop, io ricordo questa scena. Corteggiando una fanciulla molto coriacea cominciai a spigermi sulla linea “io faccio sesso solo se sono innamorato”. A conferma del fatto che le donne non credono l’improbabile ma credono l’impossibile, riuscii a fare breccia nel suo cuore e passai con lei una notte molto divertente.

    Ricordo benissimo che la stavo riportando a casa la mattina dopo completamente in coma (per l’alcool e per la mancanza di sonno) sulla mia decappottabile con il tetto aperto quando lei mi chiese “ma allora se hai fatto l’amore con me tu mi ami”. Io le risposi “certo, cara” e la cosa fu carina ed apprezzata.

    Il giorno dopo bisogna non solo telefonare, ma essere gentilissimi e rimarcare che nella nottata appena conclusa c’è stata non solo una congiunzione carnale, ma una unione di anime affini legate da un particolarissimo sentimento, e che mai e poi mai avete provato con altre quello che avete provato con lei. Sono cazzate, è vero, ma sorprendentemente nel nostro paese sulle cazzate non ci sono tasse quindi si possono utilizzare senza alcun problema in dosi massicce.

    C’è un’altra considerazione: se le telefonate vuole dire che si è già tolta dalle palle. E questo è un motivo sufficiente per essere gentili con lei.

  7. SuperCaliFragili » Blog Archive » Anche le donne, nel loro piccolo, vi scrivono? Dice:

    […] quello che sta succedendo per gli essemmeesse del giorno dopo. Ricapitolo: Meri Pop intima (nel senso voce del verbo intimare): “Uomini, eccheccavolo, il giorno dopo si telefona. Al […]

  8. MagicaMente Dice:

    sarò cinica e forse sono sempre stata fortunata. Il giorno dopo sono sempre stata richiamata, con telefonate carine e frasi di senso compiuto che rendevano il giorno dopo piacevole. é anche vero che io non ho mai richiamato nessuno…
    e che nei rari casi in cui la serata non era andata poi cosi bene (di solito il detector anti-dementi funziona ma non sempre) onestamente ero sollevata dall’idea di non ricevere nessun sms e tanto meno nessuna telefonata.
    a dire la verità mi infastidisce uno che mi chiama e che dopo avermi raccontato la balla (perchè è ovvio che è una balla, posso solo far finta di crederci) del non riesco a fare sesso se non sono innamorato, me ne racconta un’altra il giorno dopo 🙁 anche se meno sgrammaticata e più piacevole da leggere dei sms sopracitati

  9. SuperCaliFragili » Blog Archive » Delle Tururù in cerca di guai con quel telefono che non suona mai Dice:

    […] e non riguarda solo voi. Affrontammo la questione nell’annosa serie di post dedicati al “Se telefonante, Galateo del giorno dopo” , azione pedagogica che ebbe minor successo anche rispetto a quelle intentate nei confronti del […]

Lascia una Risposta

Copyleft SuperCaliFragili | Design by Riversman Entries RSS Comments RSS