Mai dire giammai


Tags: , , , ,

Categoria: Di tutto un po'   |    6 Comments »   |   

Caro Signor giudice, no, non ce l’abbiamo fatta.

Ci creda, ci abbiamo provato in ogni modo. Ci siamo entrati di corsa ed entusiasti come due astronauti sulla sonda per Marte e ne siamo usciti bastonati come due impiegati della Lehman Brothers, con tanto di scatoloni in mano. Libri in tribunale, appunto. Glielo assicuro, le abbiamo provate tutte, prima di arrenderci. Ma no, non ce l’abbiamo fatta.

Una cosa sola, signor giudice, le vorrei però chiedere, prima che ci si riveda all’udienza: mi rendo conto che da qualche parte nei sotterranei di quei palazzoni della Giustizia ci sia rinchiuso un incartapecorito e stantìo omino che su una scrivania polverosa e tarlata sta lì a predisporre moduli uguali per tutti quelli che si avventurano senza meta e senza speranza verso un Calvario chiamato separazione e divorzio. Però che le si debba dichiarare che “i due coniugi hanno cessato ogni tipo di convivenza non essendo più possibile ricostruire nessun tipo di rapporto, giammai affettivo” ecco questo no. “Giammai affettivo” non lo so gli altri ma io questo mi dispiace ma no.

Che anche questo, signor Giudice, le volevo dire. Che son momenti un po’ tosti e non è vero che è una formalità: non lo è mai, anche quando è finita. E allora aiutateci almeno voi quando predisponete i moduli. Se ne legga uno. E pensateci. Pensateci che in ogni riga, su quel modulo, c’è la certificazione del nostro fallimento. E di tutto abbiamo bisogno tranne che si certifichi pure il fallimento dell’italiano. Che è una lingua ricca, almeno lei. E in grado, ne sono certa, di offrire un minimo conforto persino in momenti come quelli.

Vabbè, eccellentissimo, voglia predisporsi alle modifiche in calce al presente atto.

Cordialmente Sua
Meri Pop

6 Risposte to “Mai dire giammai”

  1. SuperCaliFragili » Blog Archive » Al divorzio bisogna arrivarci con qualcuno all’altezza Dice:

    […] che la Ephron consegnò all’intervistatrice mi è gradito oggi, alla luce dei recenti fatti quivi narrati, riconsegnarvi […]

  2. Mario Cavallaro (obbligatorio) Dice:

    Ringrazia che non ci abbia messo vieppiù, che è una delle locuzioni preferite del legalese. Tieni conto che beccarsi una coltellata si definisce impingere il muscolo cardiaco con arma da taglio. Dunque, finchè non arrivano i pompieri di vieppiù (o erano di Viggiù?) abbiti per divorziata media

  3. MeriPop Dice:

    Avvocà, voglia gradire i sensi della mia più alta considerazione che al massimo è un metro e mezzo

  4. Flaminia Dice:

    confermo il legalese, vieppiù ! Non manca memoria difensiva dove non sia presente…seguito a breve distanza da un Orbene.
    baciotti ! sei fantistica MeriPop

  5. lanoisette Dice:

    forza e coragio.
    un abbraccio.

  6. MeriPop Dice:

    @Lanoisette poi penso a te e al Benza e mi riaggiusto

Lascia una Risposta

Copyleft SuperCaliFragili | Design by Riversman Entries RSS Comments RSS