Archive for settembre, 2017

Marzabotto, il Sole oscurato della memoria

venerdì, settembre 29th, 2017

Iniziarono  il 29 settembre e finirono il 5 ottobre 1944. Ma continuarono per altre vie a a uccidere fino al 1966.
Lo fecero random, in 115 luoghi dell’Appennino bolognese e lo fecero soprattutto i reparti della XVI SS Panzergrenadier Division, la stessa della strage di Sant’Anna di Stazzema, capeggiati tra gli altri dall’ufficiale hitleriano Walter Reder.
Uccisero 770 persone, tra cui 216 bambini sotto i dodici anni. Volevano sterminare i gruppi partigiani. E presero di mira i civili; donne, bambini e anziani. Arrivarono come lupi. Setacciarono ogni casa, ogni fabbricato, ogni fienile massacrando chiunque si trovasse sul loro cammino.

E’ la strage di Monte Sole. Detta anche strage di Marzabotto.

Strage che continuò a uccidere anche quando era finita e fino al 1966: perché prima di andarsene Reder fece disseminare il territorio di mine che continuarono a esplodere negli anni uccidendo altre 55 persone.

Il boia di Marzabotto, il maggiore Reder, condannato all’ergastolo, è morto nel 1991. Da libero cittadino austriaco. Nel 1964 espresse rammarico e pentimento alle comunità di Monte Sole. Scarcerato nel 1985, nel 1986 rilasciò un’intervista a una rivista austriaca, in cui ritrattò ogni pentimento affermando di non dover giustificare le sue azioni passate.

Dopo aver riempito intere giornate di MaiPiù c’è che non a volte ma proprio oggi, invece, ritornano. Non sono più fantasmi: sono di nuovo nomi, bande e volti. Sono di nuovo persone.

Monte Sole stele

Il comma 22 del sesso

giovedì, settembre 28th, 2017

“C’è prima un anno di passione, poi un anno di tenerezza e infine un anno di noia”. Così parlò il maestro Beigbeder nel fondamentale ma per certi versi ottimistico tomo “L’amore dura tre anni” (“Una zanzara dura un giorno, una rosa dura tre giorni. Un gatto dura tredici anni, l’amore tre. E’ così”).

Poco fa mi sono imbattuta prima nella notizia della morte del compianto benefattore Hugh Hefner, fondatore di Playboy e affondatore della vista di parecchi, e poi in un video di Alain de Botton “Come non smettere di fare sesso”, pubblicato qui da qualche Internazionale fa, ove si tenta una spiegazione del perché -senza scomodare l’amore ma le due cose temo di intreccino, marescià nel senso siano collegate- il tempo decreta in una relazione il de profundis della voglia di fare sesso.

Per farla breve ciò è dovuto al fatto che si passa dal comodato d’uso alla legittima proprietà. Cioè dal tentativo della conquista di un essere libero e indipendente all’acquisizione in esclusiva:

Per dirla con un’equazione

“EROTISMO = POSSESSO+LIBERTà”

Senonché, invece, desiderare qualcuno di solito significa “voler ridurre la sua capacità di sopravvivere senza di noi”. Mettendo in atto ogni umana e sovrumana tecnica per incastrarlo. Fossimo su Facebook il prode Zuckerberg direbbe: Giovanna è passata da essere una Conquista a essere una Prigione.

C’è poi il fattore P, PAURA:

il sesso è una richiesta e perché ci inzurlisca deve prevedere la possibilità di un rifiuto. Ecco perché la maggior parte delle litigate finisce a letto: perché ripristina la possibilità di perdersi e quella di tornare indipendenti.

Insomma il sesso funziona in presenza di
Libertà
Fiducia In Se Stessi
e Capacità di Stare Da Soli.

Cioè esattamente le cose alle quali iniziamo a rinunciare cinque minuti dopo esserci accoppiati.

Siamo dunque al “Comma 22” del sesso. Come recitava il paradosso contenuto nel romanzo del signor Heller: “Chi è pazzo può chiedere di essere esentato dalle missioni di volo, ma chi chiede di essere esentato dalle missioni di volo non è pazzo”.

Poi dice che non funziona.

Comma 22

Non deve essere facile

martedì, settembre 26th, 2017

A seguito dell’illuminante post sui postumi e a seguito del variegato seguito di reazioni, fra le quali alcuni tentativi di uscirne (da Inqualsiasi cosa siate precipitati) né col cucchiaio né col secchio ma direttamente tentando di bere tutta l’acqua della vasca per svuotarla, segnalo la comprensibile reazione del

-Ah Meripo’, come se fosse facile…

E’ vero: non lo è. Che qua gratis mai niente.

Ma il punto è proprio questo. Non deve essere facile: deve valerne la pena.

NZ Meri South Pole

Tipo questavoltaqquà

Strumenti di riparazione per cuorinfranti: la vasca

lunedì, settembre 25th, 2017

Un evergreen

Un gruppo di studenti va in visita in un centro psichiatrico. Il direttore del centro fa da guida. Uno studente chiede al direttore

-Signor direttore, che criterio seguite per decidere quali pazienti devono essere ricoverati nel centro?
-Uno molto semplice: mettiamo il paziente davanti a una vasca piena d’acqua e gli diamo un cucchiaio, una tazza e un secchio. In base a cosa sceglie per svuotare la vasca decidiamo

-Certo -dice lo studente saputello- la cosa più logica è il secchio, che ha una capienza maggiore rispetto al cucchiaio e alla tazza…

-No, caro, l’unica cosa logica è togliere il tappo della vasca. Preferisce la stanza che dà sul giardino o quella sul torrente?

Ad uso dei devastati e inondati dallo tsunami della fine di un amore: il tappo. Dovete togliere il tappo…

(da “Trattato sui postumi dell’amore”, Juan Bas – Castelvecchi)Vasca con rana

Bella, ciao

venerdì, settembre 22nd, 2017

Sulmona, settembre 1943. Guerra intorno e nazisti alle calcagna. Rosina Spinosa, contadina abruzzese con un compagno e due bimbi piccoli, non ci pensa neanche un attimo a salvare la vita di Len Harley, giovane soldato inglese: gli apre la porta di casa e lo nasconde in soffitta.

“Non l’abbiamo fatto soltanto noi – dice Rosina 47 anni dopo – tanta gente del paese ha aiutato quei poveretti. C’era appena stato l’armistizio e dal campo erano scappati in molti verso le montagne”.
Sapeva quel che rischiava?
“Sì, ma siamo gente di buon cuore. Avevo 21 anni e due figli piccoli, mio marito era in guerra. In cuor mio speravo che se fosse accaduto a lui qualcuno avrebbe fatto altrettanto”.

Il fatto è che oggi, grazie a Skype, Rosina Spinosa in Abruzzo e Len Harley a Billericay, nell’Essex, si sono rivisti. Quasi 95 anni lei, 98 compiuti lui.  “Quando i loro visi sono apparsi sugli schermi dei computer, i figli raccontano che mentre si sorridevano e salutavano con la mano gli occhi sono ritornati brillanti”.

La storia la racconta oggi Repubblica e la trovate qui. Lui, scampato il pericolo e finita la guerra, non ha mai smesso di cercarla. Nel 2009 è andato fino a Sulmona, nelle montagne in cui lei l’aveva nascosto. Ma lei era in America. Alla fine, dopo 74 anni, ce l’ha fatta.

Forse Skype non è stato il modo migliore per rivedersi, le chiede Cristina Nadotti di Repubblica
“Lo uso sempre per parlare con le mie nipoti in America, ci sono abituata. Però ho pensato che vorrei vederlo di persona. Len ha continuato a ringraziarmi anche adesso, a ripetere che avevo rischiato la vita per lui”.

E lei?
“Gli ho detto che non avrei potuto fare altrimenti”.

Mentre si cercano prove dell’esistenza del Molise intanto leggetevi quelle dell’esistenza dell’Abruzzo. E del cuore, del gran cuore, dell’Italia.

Ragazza e soldato

Foto Repubblica

Tutto quello che vuoi

giovedì, settembre 21st, 2017

-Lei non ha mai scritto poesie?
-No, io non…
-Si scrivono quando non si sa dove mettere l’amore

Si chiama “Tutto quello che vuoi” è un film e ormai sta uscendo dalle sale, a Roma lo fanno solo al Madison e di sera però se ancora ce l’avete a portata di poltroncina andate. Regalatevi due ore di poesia. Che non serve a niente, non si vende, non tira, non prende like su facebook ma è il posto in cui va a finire l’amore che non si sa dove mettere. Come dice Giorgio, l’anziano e un po’ svampito poeta al giovane Alessandro, coatto romano che lo bada.

“Tutto quello che vuoi: e fu quello il saluto. Tutto quello che voglio alla fine l’ho avuto”. E’ uno dei versi che il poeta scrive sulle pareti della propria casa. Scrive sui muri, come Alda Merini. Ci scrive poesie per fermare la memoria che gli sta scappando via, perché Giorgio ha l’Alzheimer, scrive per parlare d’amore, ricordare il passato che la testa non riesce più a trattenere. Magari andateci proprio oggi, che è un’ennesima GiornataMondiale ed è quella dell’Alzheimer. Andateci per ritrovare l’amore che non sapevate dove mettere e quello guardate un po’ dove è andato a finire.

Tutto quello che vuoi

Giorgio è uno straordinario e commovente Giuliano Montaldo. Si ride, ci si commuove. Andateci per amare chivvipare. Perché, come dice Giorgio, “nella poesia si ama chi ti pare. Nella vita si ama solo chi ti sta accanto”. Andateci perché è bello. E “non ci si abitua mai alla bellezza”.

L is for the way you look at me – L è per il modo in cui mi guardi
O is for the only one I see – O è per l’unica che vedo
V is very, very extraordinary – V è veramente, veramente straordinaria
E is even more than anyone that you adore can – E è molto più di quanto possa chiunque tu adori

P.S.
Meripo’ perché ci metti questa? Perché lo capirete quando sarete in sala

Tutto quello che vuoi
di Francesco Bruni
con Giuliano Montaldo, Andrea Carpenzano

A casa stateci voi

mercoledì, settembre 20th, 2017

Foto Mister OM 

Le 10 cose da sapere prima di uscire con Uno-Più-Giovane. E le 10 che imparerai da lui

martedì, settembre 19th, 2017

E adesso dopo tutto sto pippone sulla menopausa veniamo al dunque: il primo appuntamento con quello più giovane. Non starò a dirvi che la terra di Svampìa è desiderabile ma possiamo affermare che è quantomeno sottovalutata. Arriverà dunque il giorno in cui la vita se ne fregherà del vostro girovita e vi farà qualche regalo. Uno di questi potrebbe essere lui, l’UPG, l’Uomo-Più-Giovane.

Cerchiamo di capirci: dopo Brigitte è tutto in discesa. Chi ha davvero nacerta rintraccerà il precedente di Paola Borboni (siete pischelle, ok riassumo io: Paola Borboni attrice e colonna del teatro italiano che a 72 anni sposò Bruno Villar, ex operaio nullatenente alla Bialetti, aspirante attore-scrittore-poeta-tutto, di anni 30. Lei, per capirci, è colei che litigò con Renato Rascel.
Lui le disse -Zitta tu che sei vecchia e brutta
Lei rispose -Sì, ma io sono stata giovane e bella. Mentre tu alto mai.
La più grande in tutti i sensi, cisiamointesi. Lì lo scandalo fu epocale. Dopo sei anni il matrimonio finì con la morte di uno dei coniugi. Che però fu lui. In un incidente stradale.

Paola Borboni-Bruno Villar, si diceva che però fu evento di pruderie ammantata di eccentricità. Brigitte no: Brigitte, al netto delle inevitabili anche legittime critiche, ha sdoganato la maggiore età nelle istituzioni e nel glamour mondiale.

Dunque se all’Eliseo siedono a un tavolo sdoganati per governare quei 24 anni di differenza voi agevolmente potete sedervici quantomeno per cenare.

Dice -Meripo’ ma allora io perché continuo a sentirmi fuori luogo le rare volte in cui accade?

Forse per un problema matematico darwiniano: abbiamo secolami di Donald-Melania alle spalle e solo pochi mesi di Emmanuel-Brigitte da far metabolizzare al Dna e ai vicini di tavolo. Sempre consapevoli del fatto che ad aiutarci verrà inogniccaso l’effetto Harry-Sally: di fronte a due che godono della vicinanza dei propri corpi e delle proprie teste chiunque tra i confinanti a un certo punto si dirà
-Anche io quello che ha preso la signora ancheseèpiùgiovane

Giusto per non lasciare troppe pippementali all’ultimora portiamoci avanti col lavoro e con un decalogo preparatorio antiansiogeno

1 Sì, è più giovane

2 No, non siete vecchie

3 Sì, ve lo meritate

4 No, non è persempre è per una sera. Per ora

5 Sì, il conto lo paga lui. Cambia l’età non l’educazione

6 No, non vi stanno guardando: vi stanno invidiando

7 Sì, parrucchiere e tinta sì. Bianco solo se sei Christine Lagarde. E non lo siete (ah lo siete? Christine, madò pure tuà su Supercalì)

8 No, i leggings no

9 Sì a volte la sfiga si prende una serata libera

10 No, non se la prende sempre. Quindi godetevi questa

E’ tutto.

-Meripo’ come tutto? Queste sono le 10 cose da sapere prima di uscire con uno più giovane. E le 10 che imparerai da lui??

Aò e qua mica posso fare tuttoio. Datevi una mossa e usciteci.

P.S.
Il conto lo paga lui pure se siete Christine Lagarde

Harry Sally ristorante

Del perché dove non jelafa manco il Prozac riesce il gloriagaynorismo

lunedì, settembre 18th, 2017

Nel tempo in cui l’unica priorità è fermare il tempo, la mia amica Paola, una figa che levàteve proprio, ha scelto di festeggiare il tempo che continua a passare. E a imprimere i propri segni anche sui passeggeri cioé noi. Dunque invitavami insieme ad altro schieramento variamente composto a un festone per i suoi 60 anni. Distribuiti su un fisico che, vi accennavo prima, manco con l’acqua di Lourdes figuriamoci con la Rocchetta.

Festa sul Tevere. Non dentro, sul. In una serata come solo Roma sa regalarti, nonostante certo sconcerto che ormai la circonda di giorno, si affluiva copiosi ivi trovandola in una forma più smagliante del solito e in compagnia dei figli, degli amici e dello stratificarsi degli affetti nel tempo, appunto. Perché anche questo va detto: insieme alle ineluttabili conseguenze della legge di gravità ci sono a compensazione anche quelle della legge di affettività.

Preceduta da cibarie e soprattutto da un Ribolla gialla ghiacciato a un certo punto, nella migliore tradizione, è arrivato anche Russel Crowe inteso come Al-mio-segnale-scatenate-l’inferno: “ragazzi ora si balla”, annunciava la sessant and the city. Sconcerto dell quippresente che tentava maldestri inguattamenti. Ma non si sa com’è c’è un momento in ogni festa nel quale anche i misantropi si scuotono. E’ il momento Gloria Gaynor. O momento In&Out, che la riscossa di Kevin Klein alla fine è quella di ciascuno di noi. Il momento in cui il freno inibitore se scassa e ci si alza da quella caspita di sedia.

Non so dirvi perché e prima o poi qualcuno dovrebbe dedicarsi invece a scoprirlo con un fondamentale studio dal titolo “Del perché dove non riesce manco il Prozac riesce da 36 anni il gloriagaynorismo”: di quante ne abbiamo viste rialzarsi già all’innesco della prima strofa e direttamente dimenarsi al termine, facendo diventare quell’

And so your back davvero il segnale russelcrowiano. Per non dire dell’

“It took all the strength I had not to fall apart” che si erge a vendicare finalmente i nostri ovunque sparsi broken heart. Di solito sparsi -va detto- nel tinello, nel quale magicamente ci dimeniamo al suon della rinascita.

Ed è giusto il caso di dirvi che quello che a tutti gli effetti è diventato l’Inno mondiale del Daje era stato scartato dai discografici della pora Gloria alla quale dissero
-Mh no, questo brano non funziona. Mettiamolo nel lato B del disco.

Ed è stato così che, guardando quel dimenarsi generale in pista, e meripoppianamente conoscendo i curriculum emotivi di molti,  mi è sembrato che fosse giunta l’ora per riabilitare tutti gli scartati  lati B della storia e irrimandabilmente segnalare Gloria Gaynor all’Unesco. E anche all’Unisco. Che come ci uniscono le sfighe d’amore prima e Gloria dopo, nessuno mai.

Flashdance

E auguri.

Maria Callas, la donna che non morì mai

venerdì, settembre 15th, 2017

Lei era su un palco di nonricordo quale teatro per recitare nonricordo quale Opera. E già iniziamo malissimo. Di fronte a lei il regista, accanto a lei una cassapanca chiusa. E vuota. Avrebbe dovuto contenere biancheria, se non sbaglio. Il regista si accorge che è vuota. Fa una scenata. Lei lo guarda. Anche lui la guarda e le dice

-Non si va avanti finché non la riempiono. Perché tu devi sentire che è tua, con tutto ciò che contiene

Maria Callas, Luchino Visconti e la cassapanca. L’episodio lo raccontò Fedele D’Amico, credo (ve l’ho detto che sto in menopausa), in una lezione all’Università, a me e ad altri duecento assiepati in un’aula. Si parlava del genio di Visconti. E di Maria Callas. Maria Callas che moriva il 16 settembre di quarant’anni fa.

Di cosa? Di questa vita, che oggi Alberto Mattioli su La Stampa riassume in cinque righe così:
“D’accordo, diamo per detti il dimagrimento, la mamma stronza, il divorzio da Meneghini, gli amori sbagliati, quindi l’orrido Onassis, e quelli impossibili, vedi Visconti e Pasolini, i tailleur della Biki, la morte misteriosa”. Ma diciamolo: “quarant’anni fa quel 16 settembre 1977, al 36 dell’Avenue Georges Mandel di Parigi morì una donna che in effetti era già morta”.

Eppure ancora oggi resta la più viva. La più viva cantante lirica morta. Nel nostro immaginario, nei nostri occhi ma soprattutto nelle nostre orecchie. Perché? Ah saperlo. Si chiama carisma. E non ha un perché. O ce l’hai o non ce l’hai. E se ce l’hai non ti abbandonerà mai, neanche da morto.

Maria Callas

Cosa aveva Maria Callas e cosa hanno le icone e i miti che non muoiono mai? Quella cosa che devi sentire che è tua. Che è anche un po’ tua. Quella cosa che ascolti Casta Diva, la sua Casta Diva, e senti che ti sta riportando a casa parti di te. Come fa l’amore.