Archive for the ‘Home sweet Rome’ Category

Royal Esquilin

mercoledì, maggio 16th, 2018

A pochi giorni dal royal convolo di Harry e Meghan mi è qui gradito ricordare di quando, per il matrimonio del fratello William e di Kate, su Zuckercoso si organizzò con Roberta e Grazia la direttastriming dal titolo “Anche tu invitato al royal wedding”.

Ero in cerca di casa, quartiere Esquilino, e un giorno chiamò l’agenzia immobiliare.

-DRIIIIIIINNN -Signora Meripo’ scusi per lei andrebbe bene vedere l’appartamento venerdì alle 15?

-No, guardi, mi scusi ma io venerdì alle 15 ho il matrimonio di William e Kate.

Silenzio. Poi lui

-Signò, joo dico subito: la casa non è un granché

Ditelo con un Bacio

lunedì, marzo 19th, 2018

Negozio di dolcini. Guardo i Baci Perugina. Indugio. Non li prendo.
Poi il commesso:
-A signò guardi che oggi ce vole, che tutta st’acqua manco Blade Runner

Poidice perché una resta a Roma.

Che cossss’è l’amor

lunedì, dicembre 4th, 2017

Ora di pranzo, in un bar fuorizona.
Mi siedo, panino al salmone-rughetta-un bicchier d’acqua grazie.
A un certo punto inizia in sottofondo CHECOSS’èL’AMOR.
Io penso a Silvia Mauro che me l’ha postata su Facebook due giorni fa a commento di Amori che non sanno stare al mondo.

Mi metto a ridere, mi appoggio alla spalliera e me la godo. Ed è allora che si avvicina il cameriere e mi fa:

Ahi-permette-signorina-sono-il-re-della-cantina e qui ci vorrebbe che la invitassi a ballare. Ma intanto scusi eh, almeno na biretta.

Checoss’èl’amor io ancora non lo so. Ma Roma per fortuna è anche questa.

Sipario

Er Nobel

venerdì, novembre 25th, 2016

Alla fermata dell’85

-Signò ma l’auti?

-Signora oggi è sciopero

-Ma n’artro ?? A sta cittá je dovrebbero dà er Nobel per la pazienza, artro che Bob Dylan

Buckingham House

giovedì, aprile 21st, 2016

In onore del compleanno di Roma che ne fa 2769 e di quello della regina Elisabetta che ne fa 90 e anche a pochi giorni dall’anniversario del matrimonio di William e Kate mi è qui gradito ricordare di quando, proprio per il matrimonio di questi ultimi, su Zuckercoso si organizzò con Roberta e Grazia la direttastriming dal titolo “Anche tu invitato al royal wedding”.

Ero in cerca di casa e un giorno chiamò l’agenzia.

-DRIIIIIIINNN -Signora Meripo’ scusi per lei andrebbe bene vedere l’appartamento venerdì alle 15?

-No, guardi, mi scusi ma io venerdì alle 15 ho il matrimonio di William e Kate.

Silenzio. Poi lui

-Signò, joo dico subito: la casa non è un granché

Matrimonio Elisabetta 2

Tg2 Costume e Poppità

venerdì, aprile 8th, 2016

Taxi
-Signò ndo annamo?
-Via Marmorata
Poi si volta
L’ho riconosciuta, sa
-Ah si?
-Eccerto: lei è quella che ci ha er sito de incontri

Meetic

Concorrenza spietata, proprio

 

Ditelo con un fiore

venerdì, novembre 13th, 2015

Avendo chiesto alla mia amica Shylock un fioraiocomesideve lei mi ci ha mandata. Dalla fioraia. Che poi è la stessa dalla quale ogni tanto si ferma il professor Pi quando è in trasferta acquisendone, e recandomela, una rosa più alta di me.

Così mentre aspettavo che confezionasse l’opera floreale ho alzato gli occhi su una lavagna ove troneggiava un motto motivazionale che quivi lasciovi programmaticamente per il uichendo:

Sii quel tipo di donna che appena poggia i piedi a terra ogni mattina fa dire al diavolo “Oh merda si è svegliata”.

Donna & diavolo

Si trovano a Roma

venerdì, ottobre 30th, 2015

Si trovano a Roma vestigia di una magnificenza e di uno sfacelo tali, che superano -l’una e l’altro- la nostra immaginazione.
Johann Wolfgang Goethe

Fontana di trevi Tommaso Carmassi
(Oggi Fontana di Trevi torna al suo splendore. La foto è del Michelangiolo dell’obiettivo, Tommaso Carmassi)

La miglior vendetta

giovedì, ottobre 22nd, 2015

Viver bene è la miglior vendetta. Ma anche la Metro B non scherza.

Atacamose

venerdì, luglio 17th, 2015

Sono le 9,30 del mattino e a Roma fanno 32 gradi, percepiti 45. Ho preso tre autobus tutti con l’aria condizionata rotta. Ieri altrettanto, dopo ore di attesa. Lo so, lo so che avete fatto il più grande piano di piste ciclabili del pianeta. Dico però che, ogni mattina in cui fate salire le persone sui mezzi pubblici in queste condizioni, è come diceste a ciascuna “A me, di te, non frega un beneamato piffero”.