Archive for the ‘Rievoluzione’ Category

Stadio dell’evoluzione del mondo

giovedì, giugno 21st, 2018

Ieri le autorità iraniane hanno permesso per la prima volta alle donne di assistere a una partita di calcio in luoghi pubblici.

E solo per la partita Iran-Spagna, sia chiaro.

Ma “se tutto va bene potrebbe essere il preludio per l’abolizione generale del divieto per le donne negli stadi” ha detto l’avvocata Tayebeh Siavoshi. 

Eccole qua, belle e agguerrite.

E ricordate sempre che “L’evoluzione è troppo lenta. Non contate su di lei per l’eliminazione delle assurdità”.
(grazie ad Andrea Draghetti per la foto e per il tifo evolutivo)

L’ora più felice

venerdì, maggio 4th, 2018

Un giorno ho letto -nonmiricordodove- che uno studio -che non trovo più- di una Università -di nonmiricordodove- affermava che l’ora più felice della settimana erano le 18,30 del venerdì.

Per tanti anni le 18,30 del venerdì sono state per me l’orario di un treno. Un treno dal quale scendeva Qualcuno, o un treno che io prendevo per andare a raggiungere Qualcuno.

Dello studio ho letto però quando Qualcuno aveva smesso di scendere. E dunque le 18,30 del venerdì mi erano diventate l’ora più malinconica della settimana. Che l’amore spesso è soprattutto questo: un bel rito. E quelle sono le cose che ci mancano di più all’inizio: i piccoli e grandi riti che costruiamo insieme.

Lo diceva anche Il Piccolo Principe, che ci vogliono i riti

“Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi, alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Col passare dell’ora aumenterà la mia felicità. Quando saranno le quattro, incomincerò ad agitarmi e ad inquietarmi; scoprirò il prezzo della felicità! Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore… Ci vogliono i riti”.

Senonché io questo bel rito del treno non ce l’avevo più. E però questa cosa delle 18,30 del venerdì mi si era ficcata in testa e ogni venerdì a quell’ora me ne ricordavo moltomolto malinconicamente.

Poi, un giorno, alle 18,30 di un venerdì senza treno ho preso una decisione: avrei provato a far sì che l’ora più felice della settimana non fosse più appaltata ad altri. Mi sarei presa cura io direttamente di quell’ora.

E così ho prenotato un treno di venerdì che mi portasse nella felicità alle 18,30. E sono andata da Franca con Lorenza. La prima mia ora più felice della settimana ero con i piedi a bagno nel mare al tramonto in Friuli Venezia Giulia, con uno Spritz in corpo fatto a mestiere. E sì, era quanto di più felice potessi immaginare.

La settimana dopo non potendo prendere treni ho preso le scale: le scale che da Via della Dataria salgono al Quirinale. E al termine dell’impettata mi sono affacciata, ansimante ma felice, dalla terrazza più bella del mondo.

Da allora mi è poi capitato anche di:
farmi consolare da Schopenhauer a gennaio
comprarmi un gelato al cioccolato a febbraio
regalarmi una mini Sacher a marzo
piantare dei semi difficilissimi ad aprile

Ho scoperto che sono in grado di rendermi felice. E che qualsiasi sconforto può essere interrotto per un po’ alle 18,30 del venerdì.
E sì, credo di poter dire che non so se esista veramente quello studio  ma che, in ogniccaso, la felicità non è un sentimento. E’, spesso, una decisione.

E lucean le stelle. Italiane

venerdì, aprile 20th, 2018

Il 17 agosto 2017, mentre la maggior parte di noi capta il sole in spiaggia, un’onda gravitazionale viene captata nei laboratori Ligo (negli Usa) e Virgo (in Italia). A ricevere l’allerta sullo smartphone c’è Marica Branchesi: legge e avvisa 95 radiotelescopi di tutto il mondo. E’ grazie a questo “link” tra fisici e astronomi che, in 4 ore, tutte le antenne inizieranno ad orientarsi verso quella parte di cielo. Ed è così che a quel punto verrà scoperta l’onda gravitazionale generata dalla fusione di due stelle a neutroni.  Di lei avevamo già parlato qui.

Lui invece è Giuliano Testa, del Baylor University Medical Center di Dallas ed è il capo del team che ha messo in piedi negli Usa il primo test clinico sul trapianto di utero, su dieci donne affette dalla sindrome di Mayer-Rokitansky-Küster-Hauser, o MRKH, una rara malattia genetica per cui si nasce senza utero.

L’articolo che spiegava il valore di Giuliano Testa lo ha scritto proprio la donna che ha ricevuto quell’utero e che nel 2017 ha partorito un bambino. “L’esperienza – ha raccontato dopo il trapianto – non è stata priva di delusioni. Ma nonostante le avversità il dottor Testa è stato un pilastro di forza e affidabilità, e la sua sicurezza è stata contagiosa”.

Oggi tutti e due entrano fra i magnifici 100 più influenti del mondo secondo il Time. Bello esserci con due scienziati. Due scienziati così. Stelle di punta della ricerca nel mondo.

L’uomo che ci regalò il tailleur del riscatto

martedì, marzo 13th, 2018

All’inizio lui  non voleva neanche incontrarla, lei. Quella secchissima donna inglese “vestita come un gondoliere”, disse poi lui. Ma lei insisteva. E fu così che nacquero una grande amicizia, un proficuo sodalizio e un mito. Lui era Hubert de Givenchy, lei Audrey Hepburn. Fu lui a trasformare quella secchissima donna inglese nella indimenticabile, raffinata parigina consacrata da un tailleur: Sabrina. Lui, morto sabato scorso a 91 anni.

Il mondo li ricorderà per il tubino nero di Colazione da Tiffany ma è in quel tailleur nero con calottina bianca in testa che nascono un mito e i guai di generazioni di ragazze.

E’ lì dentro, nel tailleur della riscossa della modesta figlia dell’autista che ciascuna si è sentita pronta a conquistare, se non il mondo, almeno Humprey Bogart, che diciamocelo ci interessava più del mondo.

Certo il tubino di Tiffany, le perle e il cartoccio col cornetto, il bicchierozzo del caffè. Ma sarà la compostezza di quel due pezzi nero e calottina bianca a diventare il simbolo della riscossa. Avvolge Sabrina Fairchild nel mito prima e nelle braccia di Humphrey poi.

Certo, il tubino. Ma la nostra rivincita è quel tailleur.

E’ il brutto anatroccolo elevato a cigno. Cigno nero. E’ la prevalenza della discrezione sulla prepotenza, della classe sul potere. Del fascino sui soldi.

Hubert de Givenchy, detto solo Monsieur, si porta via un’epoca, uno stile, un periodo in cui  «le clienti si vestivano bene anche per andare nei luoghi più sperduti», una sofisticata concezione di eleganza (intramontabile, però). Ci lascia quel tailleur con calottina.

Che per noi è diventato l’elmetto. L’elmetto del riscatto. Che non morirà mai.

Per tutto questo grazie, Monsieur.

Belle, ciao

giovedì, marzo 8th, 2018

Ogni 5 minuti una bambina o una ragazza nel mondo muore a causa di violenze
1 su quattro si sposa prima di aver compiuto 18 anni
22 milioni di ragazze sono sposate con un uomo adulto
63 milioni di ragazze hanno subito mutilazioni genitali
130 milioni non vanno a scuola

Per quanto riguarda le ragazze cresciute
496 milioni di donne non sanno né leggere né scrivere
solo una su 2 ha un lavoro retribuito
sono il 70% dei poveri e i 2/3 degli analfabeti nel mondo
solo il 14% ricopre posizioni professionali direttive
sono il 10% dei seggi parlamentari e il 6% delle cariche ministeriali.

La foto è la nota positiva di questo post: quella che vedete è una scuola della tribù Afar, in Dancalia. Nonostante le condizioni di vita ostili, in una terra in cui si sta con 40 gradi di minima, scuola e istruzione sono garantite a dispetto di tutto il resto. E le femmine sono quelle che ci vanno di più e vanno meglio.

Scuola Afar in Dancalia. Foto Meri Pop

Perché, ricordiamocelo, dove gli altri potranno arrivare con ogni mezzo, a ciascuna di noi prima o poi qualcuno chiederà di essere brava il doppio.

E ora, e solo ora, buon 8 marzo. E andiamo, che c’è parecchio da fare.

Gli assaggiatori

lunedì, febbraio 5th, 2018

E’ tutto molto amaro e fosco, in giro. Ma volevo dirvi che oggi al Quirinale hanno rifiutato l’assaggiatore di Erdogan nelle cucine.
L’unico precedente rintracciabile è la Luci, la mamma della Lorenza, quando cacciò Bottura dalle sue teglie di lasagne al grido di “Tieni giù quelle mani, ragazzo”.

Luci e Bottura

La Luci e il Bottura, l’abbraccio dopo il lasagnaccio

Centocelle nightmare

domenica, gennaio 7th, 2018

E da Centocelle per oggi è tutto

Centocelle muro

Le 10 cose da sapere prima di uscire con Uno-Più-Giovane. E le 10 che imparerai da lui

martedì, settembre 19th, 2017

E adesso dopo tutto sto pippone sulla menopausa veniamo al dunque: il primo appuntamento con quello più giovane. Non starò a dirvi che la terra di Svampìa è desiderabile ma possiamo affermare che è quantomeno sottovalutata. Arriverà dunque il giorno in cui la vita se ne fregherà del vostro girovita e vi farà qualche regalo. Uno di questi potrebbe essere lui, l’UPG, l’Uomo-Più-Giovane.

Cerchiamo di capirci: dopo Brigitte è tutto in discesa. Chi ha davvero nacerta rintraccerà il precedente di Paola Borboni (siete pischelle, ok riassumo io: Paola Borboni attrice e colonna del teatro italiano che a 72 anni sposò Bruno Villar, ex operaio nullatenente alla Bialetti, aspirante attore-scrittore-poeta-tutto, di anni 30. Lei, per capirci, è colei che litigò con Renato Rascel.
Lui le disse -Zitta tu che sei vecchia e brutta
Lei rispose -Sì, ma io sono stata giovane e bella. Mentre tu alto mai.
La più grande in tutti i sensi, cisiamointesi. Lì lo scandalo fu epocale. Dopo sei anni il matrimonio finì con la morte di uno dei coniugi. Che però fu lui. In un incidente stradale.

Paola Borboni-Bruno Villar, si diceva che però fu evento di pruderie ammantata di eccentricità. Brigitte no: Brigitte, al netto delle inevitabili anche legittime critiche, ha sdoganato la maggiore età nelle istituzioni e nel glamour mondiale.

Dunque se all’Eliseo siedono a un tavolo sdoganati per governare quei 24 anni di differenza voi agevolmente potete sedervici quantomeno per cenare.

Dice -Meripo’ ma allora io perché continuo a sentirmi fuori luogo le rare volte in cui accade?

Forse per un problema matematico darwiniano: abbiamo secolami di Donald-Melania alle spalle e solo pochi mesi di Emmanuel-Brigitte da far metabolizzare al Dna e ai vicini di tavolo. Sempre consapevoli del fatto che ad aiutarci verrà inogniccaso l’effetto Harry-Sally: di fronte a due che godono della vicinanza dei propri corpi e delle proprie teste chiunque tra i confinanti a un certo punto si dirà
-Anche io quello che ha preso la signora ancheseèpiùgiovane

Giusto per non lasciare troppe pippementali all’ultimora portiamoci avanti col lavoro e con un decalogo preparatorio antiansiogeno

1 Sì, è più giovane

2 No, non siete vecchie

3 Sì, ve lo meritate

4 No, non è persempre è per una sera. Per ora

5 Sì, il conto lo paga lui. Cambia l’età non l’educazione

6 No, non vi stanno guardando: vi stanno invidiando

7 Sì, parrucchiere e tinta sì. Bianco solo se sei Christine Lagarde. E non lo siete (ah lo siete? Christine, madò pure tuà su Supercalì)

8 No, i leggings no

9 Sì a volte la sfiga si prende una serata libera

10 No, non se la prende sempre. Quindi godetevi questa

E’ tutto.

-Meripo’ come tutto? Queste sono le 10 cose da sapere prima di uscire con uno più giovane. E le 10 che imparerai da lui??

Aò e qua mica posso fare tuttoio. Datevi una mossa e usciteci.

P.S.
Il conto lo paga lui pure se siete Christine Lagarde

Harry Sally ristorante

Svampìa

giovedì, settembre 14th, 2017

Non credo si possa traccheggiare oltre: io-ogni-tanto-ho-come-delle-vampate-di-calore. Delle sudarelle. Notturne. E-anche-un-po’-di-insonnia. Inoltre mi sta venendo un ciambellino ad altezza girovita, tipo una complanare in zona. Che non se ne va neanche stando sdraiata o a digiuno. Ho cercato di addossarne le responsabilità al riscaldamento globale, al protocollo di Kyoto, al protocollo di gallina, al caffè serale e a Spritzini ravvicinati. Ma temo sia ora di ammetterlo: io-sono-in-menopausa. Lo sono di notte, soprattutto. Perché di giorno continuo a percepirmi come la giovine cazzoncella di sempre. Ma la notte no.

All’elenco di cui sopra va poi per correttezza aggiunta una sempre più crescente irritabilità, un Mannaggismo sommesso e sporadico che ormai è esploso in un Kitemmuortismo conclamato e diffuso. Anche e soprattutto di giorno. Non solo cose cosìccosì, comunque sempre accettate, mi divengono improvvisamente intollerabili ma lo sono diventate anche le sciatterie, le promesse senza conseguenze di fatti e le cialtronaggini in generale. Tutte fattispecie delle quali probabilmente anche io mi rendo colpevole. Ma è imbattendomi in quelle altrui che quel buon carattere di un tempo scompare e quella che era la mansueta e mite Meripo’ lascia il posto a una incontenibile pseudostronza.

E’ l’età. La mezza età, più precisamente. Un appuntamento temuto quanto quello col commercialista che io stessa ho voluto procrastinare allo sfinimento (quello con la mezzetà, che la commercialista santadonna poraccia). Ma che ora è qui. Neanche più davanti a me ma direttamente dentro, inside.

Benvenuta a Svampìa, terra di tinte, flavonoidi e creme idratanti.

La buona notizia è che dentro a questa qua mi trovo meglio che dentro a quell’altra, anche se l’altra era più tonica, liscia, castana e idratata.

Perché è arrivata anche l’ora di dire che quello, spesso, non era un buon carattere: era coglionaggine. E, signore mie, la lascio andare volentieri insieme al vitino da vespa. Il pungiglione, invece, teniamocelo.

Tiz cappello Viet

 

 

Il punto G, Gesummio

giovedì, luglio 27th, 2017

Pensate a quando di questo tratto di era evolutiva scriveranno: andarono su Marte, trovarono la particella di Dio, il segreto del Dna e affermarono il diritto delle donne a fare sesso anche dopo i 50 anni.