Archive for the ‘Parlami d’amore’ Category

La sindrome di Penelope

venerdì, settembre 6th, 2019

Chi è l’innamorato? E’ uno che aspetta. Pensateci: amare qualcuno alla fine vuol dire soprattutto aspettarlo, aspettarne i segni, la vicinanza, il uozzappo, il like sul post.

Stiamo tutti aspettando qualcosa, se teniamo a qualcuno. (Ma che davvero pensate che basti non parlarsi più per interrompere un legame? avvertiva Bukowski)

E chi è la nostra paladina? Penelope. Ne esiste anche una sindrome. Penelope che si innamorò di un viaggiatore fai-da-te, tal Ulisse. Quello parte e lei lo aspetta. Vent’anni. E poi vi lamentate che quello ha visualizzato e non risponde da venti giorni.
Penelope lo aspetta 20 anni, primo miracolo, e lui torna, secondo miracolo. Lui torna e lei si accorge di volerlo ancora, terzo miracolo.
Ma nella realtà -e nella statistica- esistono altre due evoluzioni della Sindrome di Penelope. E mo’ però vi tocca ascoltarvele nel video.

Direttamente dall’home page di Repubblica (questo il link al video) buona giornata e buona attesa, Penelopi e Ulissi miei.

Parlami d’amore/ Ti amo quindi ti cambio

giovedì, agosto 29th, 2019

Perché vi innamorate di noi e cinque minuti dopo pensate già a come cambiarci?
Salutiamo l’esordio di un masculo sulla rubrica di Repubblica #Live.

Non siamo fringuelli e manco sule dai piedi azzurri ma stavolta il punto di partenza della risposta arriva da Darwin. E dalle Galapagos.

“Non sopravvive il più intelligente e neanche il più forte: sopravvive la specie che si adatta meglio ai cambiamenti”.

Magari poesse utile pure agli interlocutori del poro Sergio, sul Colle. Statemibbene.

Parlami d’amore Meri Pop: forse vince chi fugge, mai chi deve solo rincorrere

giovedì, luglio 25th, 2019

Forse in amor vince chi fugge, raramente chi è condannato solo a rincorrere. E chi di noi non ha nel curriculum un disperante inseguimento?

Nel fondamentale trattato che vi attende oggi su Repubblica Live tratteremo l’esistenza di una legge attrattiva tipo Pianeti-col-sole, una forza di gravità sentimentale che incolli a noi qualcuno e della fondamentale differenza con l’accollo.

Poppiane e Poppiani, in edicola mai nelle ore più calde. Stamattina, per esempio.

Parlami d’amore Meri Pop

lunedì, luglio 15th, 2019

Basta con questo disfattismo. La tua anima gemella c’è ed è là fuori. Insieme a sette miliardi di persone. Distribuite su cinque continenti. Supponendo che sia viva. E che sia single.

Potremmo in ogni caso ingannare l’attesa ciacolando davanti a un Moscow Mule rinforzato, come piace a Anto Zazie. Per Patrizia meglio un bianco ghiacciato. Volendo anche uno Spritz ma senza cannuccia sennò Franca ci cazzia. Nicoletta, stavolta niente limonata.

Vi aspetto OGGI lunedì 15 alle 19 a Roma al Teatro Marconi (Viale Guglielmo Marconi 698) per Aperitif d’autore.
Fuori, nel salottino. Con Tiziana Sensi. E Cupido (forse).

La locandina stichespiralidosa è opera di Andrea Dotti.